Brugnaro e Brunetta siglano il “Patto del Tòdaro” per Venezia

Il sindaco ha raggiunto un accordo verbale bipartisan con Forza Italia e PD per chiedere alla Camera e al Senato più fondi per la città

Il sindaco Brugnaro l'ha chiamato "il patto del Todaro". Dopo il "patto del Nazareno" quindi, la politica, questa volta veneziana, si stringe ancora attorno ad un accordo bipartisan volto a far entrare nelle casse comunali liquidità. Come riportano i quotidiani locali infatti, sotto la colonna del Todaro, in piazza San Marco, il sindaco Luigi Brugnaro ha stipulato un patto verbale in cui si dice che la maggioranza e l’opposizione in Parlamento presenteranno degli emendamenti comuni alla Legge di Stabilità 2016 per cercare di sistemare la grave situazione econimica di Venezia.

Il tutto si è svolto nella giornata di martedì pochi minuti dopo il funerale di Valeria Solesin (DETTAGLI). Il sindaco Brugnaro si è ritrovato con il capogruppo di Forza Italia alla Camera Renato Brunetta, proprio a pochi metri dalle colonne, luogo in cui si sono parlati. Oltre ai due erano presenti all'incontro informale anche il sottosegretario Pd all’Economia Pierpaolo Baretta, e i deputati del Pd Michele Mognato e Delia Murer, oltre all’assessore al Bilancio di Ca’ Farsetti (Forza Italia) Michele Zuin.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'incontro informale è servito per avvicinare i due schieramenti che, coadiuvati da un Luigi Brugnaro che ha cercato di fare da collante, si sono dati appuntamento a Roma, per discutere nel concreto della proposta bipartisan. L'idea quindi è quella di presentare degli emendamenti prima alla Camera dei Deputati e dopo al Senato in cui proporre Venezia come "città speciale" e di poter poi amministrare in modo autonomo la propria fiscalità. Con l'afflusso imponente di turisti, la città lagunare sarebbe teoricamente molto ricca, ma la situazione economica del bilancio comunale è nota a tutti. Ora però Brugnaro si affiderà al "patto del Todaro", sperando che a recepirlo non sia stato solamente il primo protettore della città scolpito in cima alla colonna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento