«L'equilibrio fra turismo, cultura e servizi per rilanciare la città»: la Cgil all'M9 con Baretta

Il candidato: «A Mestre farei un vicesindaco o un prosindaco. Via la stazione, meglio uno spazio aperto. Un patto contro il lavoro precario». Agiollo: «Riallacciare il dialogo con le istituzioni»

Cgil all'M9

Il bisogno di riequilibrare turismo, cultura e servizi alla persona a Venezia, per rilanciare la città in pieno Covid, è al centro del dibattito organizzato all'M9 dalla Funzione Pubblica e Filcams (Federazione italiana lavoratori commercio, albergo, mensa e servizi) Cgil, giovedì, alla presenza del candidato sindaco Pier Paolo Baretta. «Una monocultura turistica onnivora, una cultura priva di programmazione e scarsamente fruibile»: ad aprire così il convegno è il segretario generale della Camera del lavoro veneziana Ugo Agiollo. «Venezia non è stata a misura di residenti in questi anni, ma nemmeno una città per bambini e anziani, e ha respinto i giovani che volevano avvicinarsi. Comune e Regione devono concentrarsi sui servizi alla persona, sanitari, di prevenzione delle dipendenze. C'è stato un depauperamento dei servizi educativi. I trasporti sono stati accostati al turismo e ridotti, sia i collegamenti con le isole che con alcuni punti della terraferma», dice Agiollo. 

Soffre anche il lavoro. A ricordarlo è la segretaria Cgil nazionale della Funzione Pubblica, Serena Sorrentino. A Venezia è stridente come un'opportunità strategica rappresentata dal settore della cultura veda una crisi profonda anche in termini di valorizzazione di questo settore. Perderemo il 43,6% degli organici complessivi nel Paese, entro fine anno. Mancano 9 mila unità nel settore culturale per arrivare ai livelli pre-crisi del 2008. Ma l'occupazione nel servizio pubblico crea ricchezza: distribuzione del reddito significa - afferma Sorrentino - agire sul tema della domanda, investendo in innovazione, tecnologica e formazione. Venezia può candidarsi a essere laboratorio di sperimentazione per un salto di qualità dei servizi pubblici e della gestione amministrativa. Il Comune è il primo livello di interlocuzione democratica e istituzionale, ecco perché ripartire dalla ricostruzione di politiche di prossimità, con nuovi poteri e finanziamenti: è la chiave - dice - per vincere la scommessa del rilancio del paese e della città».

A Venezia è andato perso «il 10% del personale, da 3000 mila dipendenti pubblici a 2700 - interviene Daniele Giordano, segretario Fp Cgil Venezia -. I servizi più vicini al cittadino sono stati centralizzati e allontanati dal territorio. Ben venga l'efficienza anche con percorsi innovativi ma non esternalizzando i servizi, come nelle biblioteche. Rimettere al centro la qualità della sanità: il calo del personale medico e infermieristico con l'anzianità sempre più marcata richiede un investimento, anche per decongestionare i pronto soccorso. Il sindaco deve essere protagonista in questa discussione. L'efficienza in questi anni - dice -  si è spostata sulla propaganda perché, a fronte dei minori servizi sociali e territoriali sono aumentate le assunzioni di vigili, per dare una percezione di sicurezza ai cittadini, ma allontanando la polizia locale dalle sue funzioni "naturali" come il controllo sull'abusivismo e la gestione della viabilità».

Il lavoro nel mondo della cultura e nelle imprese culturali e ricreative «è forse stato quello maggiormente colpito dalle disposizioni sul contenimento del virus. La funzione culturale è in grandissima difficoltà, specie nelle città d'arte - sostiene Andrea Cancellato, presidente nazionale di Federculture -. Abbiamo chiesto la costituzione di un fondo per accedere a prestiti garantiti dallo Stato a lungo termine, almeno 10 anni». Cento milioni sono destinati al comparto per il 2020-21, «ma il decreto attuativo che doveva essere emesso in 30 giorni dalla conversione in legge non c'è - dice Cancellato - e siamo al sessantesimo giorno».

Anche il settore alberghiero veneziano procede a rilento e con una dose massiccia di cassa integrazione, ricordano Caterina Boato e Monica Zambon della Filcams di Venezia. «Con la catena Cazzavillan che ha 7 alberghi a Venezia avremo un incontro la prossima settimana e procediamo con la raccolta firme che depositeremo in Comune per un intervento su questa situazione di stallo - afferma Zambon - Se non avremo risultati neppure in termini di un'apertura soft con occupazione a rotazione, andremo verso una mobilitazione del settore». «Sono più di cento gli operatori a casa da marzo a Venezia. Qualcosa si muove sulle spiagge, grazie al bel tempo che tiene e la ripresa dell'occupazione all'80%», ricorda Boato, ma con una stagione breve perché iniziata a giugno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«A Venezia la valorizzazione della produzione culturale e un turismo organizzato passano attraverso una visione europea e non provinciale». Lo sostiene il candidato Baretta nel suo intervento. «Sono contro i tornelli, e a favore delle prenotazioni. Ma questo non risolve il problema della città museo, servono residenzialità e lavoro. Ci sono 4 mila abitazioni pubbliche da aprire - dice Baretta - giovani coppie, pendolari, da attrarre, allora anche i servizi aumentano: asili, palestre, teatri, e trasporti. E si va oltre il livello eccessivo di precariato del lavoro, attraverso la destagionalizzazione della biennale, delle strutture turistiche, della mostra del cinema. Una delle prime cose che farei, sul piano sociale - afferma Baretta - è convocare sindacati e imprese per un patto per il lavoro a Venezia. Butterei giù la stazione di Mestre, ne farei piazza anche per combattere il degrado. Mestre cuore della Città metropolitana e centro direzionale di servizi ma anche di turismo in terraferma, recuperando e valorizzando i 10-12 forti come polmone verde. L'M9 dovrebbe entrare nel circuito dei musei civici; con queste idee - afferma - i soldi del Recovery fund e la progettualità portata a Bruxelles sono convinto che Venezia otterrebbe finanziamento importanti. Quanto a me - conclude - a Mestre farei un vicesindaco o un prosindaco».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Malore fatale, commerciante muore a 37 anni

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo di 18 anni a Veternigo

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Per Zaia il problema non sono ristoranti e palestre: «Bisognava puntare su assembramenti»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento