Liste e candidati civici senza il Pd. «Insieme contro Brugnaro al secondo turno»

Scaldano i motori Gruppo25Aprile, Uacp, Noi per Venezia. «Aggreghiamo chi ci sta». Gasparinetti: «Per ora non ci sono». Appoggio alla coalizione del Nostro impegno per la città forse con propria lista

Il nostro impegno per la città a Chirignago

Uniti contro Brugnaro sì, ma al ballottaggio. Varie civiche oggi ne sono convinte, trovando la grande coalizione del Pd e le forze moderate che si preparano a sfidarlo assieme alle comunali 2020, sempre più lontana. Lo scrive Tutta la città insieme di Giovanni Andrea Martini. «Il ballottaggio - ammette - renderà necessario comporre l'unità dello schieramento per vincere - ma intanto - tutte le liste cercheranno, al primo turno, di avere la meglio». Adesso ne è più che mai convinto Marco Gasparinetti del Gruppo25Aprile. Archiviato Pier Paolo Baretta, dopo l'incontro in Bragora, ha dichiarato di aver trovato un'intesa con Un'altra città possibile (Uacp). Si lavora già a una lista di cui Gasparinetti non esclude, anzi, di poter essere il capolista. Meno sicuro per ora, dice, il suo ruolo da candidato sindaco. Per Gasparinetti, al secondo turno, è quasi scontato il ruolo delle civiche. Finiranno lì i voti dei cittadini che non si riconoscono nel sindaco uscente, ma neppure nel Pd o in Martini. E a quel punto, la condizione per l'appoggio sarà, quanto meno, quella di avere 12 consiglieri e 3 assessori di area 25 aprile, che Gasparinetti ha già più o meno individuato, cui assegnare parte del governo della città. Professionisti, dirigenti, giovani, e giornalisti (forse anche Bugliesi?) che hanno lavorato per la città. Cultura e commercio non possono essere più assessorati inglobati nel ruolo del sindaco. E gli ambiti ai quali il 25Aprile mira sono quelli su cui si sono concentrati maggiormente gli sforzi del gruppo: residenzialità, solidarietà e ambiente. Si sta lavorando in questa direzione assieme ad Uacp «e a chi vorrà aggregarsi: civiche, comitati, semplici cittadini», e al polo civico Noi per Venezia di Francesco Duse, già aggiunto.

«C'è convergenza con il 25Aprile anche sulla lista che dovrà rappresentare al massimo le esperienze delle realtà della città. Si identificherà una squadra delle competenze - dice Giampietro Pizzo di Uacp - Si lavorerà su una alternativa economica sostenibile. Abbiamo le conoscenze per farlo. Per creare una alternativa a quello che c'è. Incontreremo Baretta per dirglielo». I 5 Stelle faranno le primarie per scegliere il candidato la prossima settimana. «Dubito - spiega Gasparinetti - sarebbero disposti a un'alleanza con il Pd al secondo turno». Gian Angelo Bellati e Marco Sitran potrebbero aver deciso di impegnarsi in ambito regionale. Il primo aveva dato disponibilità ad aggregarsi anche con il Pd contro Brugnaro. Il secondo lo ha sempre escluso. Maurizio Baratello di Idea Comune 2020 afferma che pensare al secondo turno senza dar peso al primo significa «far male i propri calcoli. Ho sollecitato le forze in campo ad una aggregazione fin dal principio su un candidato - dice -. Se parti già con la coalizione vieni premiato. Se sei esterno e ti aggreghi in caso di ballottaggio, ti devi accontentare, in caso di vittoria, di un numero inferiore di consiglieri. Invito le civiche e tenerne conto. Si presentino anche distintamente nella coalizione, ma rimangano dentro, perché rischiano di buttare tutto il lavoro fatto in fumo, senza una rappresentanza in Consiglio. È il metodo D'Hondt - spiega Baratello che si riconosce nelle forze moderate della coalizione -, a spiegare matematicamente questa differenza di assegnazione dei seggi nei sistemi proporzionali - Sono convinto che le elezioni le vincerà Baretta», conclude. Se stare con la coalizione, con una propria lista o meno, è la scelta che anche Il Nostro Impegno per la città (Articolo Uno Mdp, Verdi, Rifondazione Comunista, Possibile, Sinistra Italiana) deve fare. La civica ne ha discusso martedì sera a Chirignago. I Verdi di Gianfranco Bettin devono testare quale sia il margine di possibilità che il sottosegretario, in linea con il Comitatone, può concedere su grandi navi, laguna, salvaguardia, Mose, e termovalorizzatore di Veritas. Ma sulla coalizione per ora non si discute.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento