Mercoledì, 16 Giugno 2021
Politica

L'amministrazione comunale saluta il 2020: «Anno duro, ma siamo pronti alla ripresa di Venezia»

Si è tenuta questa mattina la web conference di fine anno del Comune di Venezia, a cui hanno partecipato sindaco, tutti gli assessori e i consiglieri delegati

Gestione del Mose, rilancio di Porto Marghera, lavoro, scuole, musei civici. Il tutto in un periodo complicato, che non rendere facile l'amministrazione di una città. Sono questi alcuni degli argomenti toccati questa mattina dal sindaco di Venezia Luigi Brugnaro e da tutti gli assessori, riuniti nel corso della consueta conferenza stampa di fine anno, nella circostanza in diretta streaming.

Prima la girandola di consiglieri delegati e assessori, alla fine il primo cittadino, che proprio in chiusura di conferenza ha annunciato che Venezia ospiterà all'Arsenale il G20 nel prossimo mese di luglio. È così che Laura Besio, da pochi mesi assessore ai Servizi al cittadini, politiche educative e personale ha ricordato che nonostante le difficoltà dovute al coronavirus le procedure concorsuali in programma proseguono, con l'obiettivo di creare un Ente che sia sempre più giovane e performante e sia in grado di fornire servizi efficienti al cittadino. L'assessore a Mobilità e trasporti Renato Boraso ha invece ricordato gli interventi effettuati negli ultimi 12 mesi sul fronte delle infrastrutture, con oltre 30 chilometri di strade riasfaltate, e su quello della mobilità, con i risultati positivi dei nuovi servizi di noleggio monopattini e bici elettriche.

Gli interventi degli assessori del Comune di Venezia

L'assessore al Commercio Sebastiano Costalonga ha fatto un parallelo col mondo del rugby per ricordare l'importanza di spingere tutti nelle stessa direzione, verso la linea di meta per Venezia, mentre Massimiliano De Martin, assessore all'Urbanistica, ha ricordato i progetti che l'amministrazione sta portando avanti per via Ulloa, San Giuliano e il Polo nautico e il museo ebraico. Paola Mar, assessore alla Promozione del territorio, ha ricordato invece gli oltre mille eventi portati avanti sul territorio, anche in periodo di covid, in totale sicurezza.

Il neo-assessore alla Sicurezza Silvana Tosi ha puntato l'attenzione, naturalmente, sulla sicurezza urbana come primo obiettivo da raggiungere per enti locali e cittadini. «Sono andata in sopralluogo in via Piave e a Marghera ieri sera - ha spiegato - e continuerò a farlo ogni settimana. Lancio l'appello alla cittadinanza di segnalarmi sovraffollamenti e eventuali situazioni critiche». Il vicesindaco Andrea Tomaello, con deleghe a Sport, protezione civile e porto, si è soffermato da una parte sulla difficoltà che stanno affrontando le società sportive, dall'altra sulla sua insoddisfazione sugli esiti del Comitatone: «A Roma c’è ancora grande confusione, - ha detto - ma il nostro impegno è rivolto a tutti i lavoratori oggi in cassa integrazione, che rischiano il posto di lavoro senza alcuna certezza per il futuro. Da parte mia ci sarà la massima attenzione sul tema, anche nel 2021 faremo sentire la nostra voce».

«Da febbraio in poi ogni giorno sono cambiati regole, emergenze e bisogni. - ha detto l'assessore alla Coesione sociale e Turismo Simone Venturini - Li abbiamo vissuti ora per ora, coordinando i servizi per rispondere ai bisogni dei cittadini. Ricordo l'operazione buoni spesa, il reperimento delle mascherine anche dalla Cina, in momenti in cui a volte ci siamo sentiti soli, circondati solo dall’affetto dei cittadini». L'assessore ai Lavori pubblici Francesca Zaccariotto ha quindi ricordato che nonostante i 12 mesi difficili, a Venezia sono stati investiti 337 milioni di euri per interventi pubblici, molti ultimati, altri in corso di realizzazione, ai quali si aggiungono i 55 stanziati per l'emergenza dell'acqua granda di novembre 2019. È spettato infine all'assessore al Bilancio Michele Zuin delineare i contorni economici della sfida veneziana alla pandemia: «Durante questo pessimo anno abbiamo comunque tenuto la barra dritta - ha dichiarato - È stato approvato di recente e nei termini il Bilancio di previsione 2021-2023, prudenziale, senza tagli ma anzi con la conferma di quanto di buono è stato fatto in questi anni».

A chiudere, il sindaco ha sottolineato che la situazione in città sarà monitorata passo passo, motivo per cui i Musei Civici «saranno aperti al momento giusto» e Actv e Casinò saranno contraddistinti da unagestione attenta. «In ballo ci sono i soldi dei cittadini e le speranze delle future generazioni. - ha ricordato Brugnaro - A tutti i lavoratori, ai dipendenti, agli imprenditori, alle partite Iva esprimo la sincera vicinanza dell'Amministrazione e l'augurio di un nuovo anno all'insegna della ripresa. L'impegno di noi tutti è di starvi vicino, senza lasciare indietro nessuno».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'amministrazione comunale saluta il 2020: «Anno duro, ma siamo pronti alla ripresa di Venezia»

VeneziaToday è in caricamento