E pagano sempre i cittadini !

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeneziaToday


Il Consiglio Comunale di Vigonovo di Martedi 25 Febbraio è stato l'ennesima dimostrazione di come riversare tutti i problemi sulle spalle dei cittadini.
Questi i 3 temi affrontati su cui si è accesa la discussione:

Aumento dell'IRPEF Comunale dallo 0,5% allo 0,8% per i redditi sopra i 15.000 euro.

Cade anche l'ultimo misero motivo di vanto di questa Amministrazione, l'addizionale Irpef Comunale passa allo 0,80% ! Su questo l'Amministrazione Comunale capitola clamorosamente, se fino a ieri la mancanza di servizi era parzialmente, molto parzialmente giustificata da tasse limitate, adesso che quasi le raddoppiano non hanno più scuse.
Non sono passati nemmeno 2 mesi dal bollettino Comunale in cui il Sindaco si auto elogiava di far pagare l'aliquota minima ai Vigonovesi per poi smentirsi clamorosamente in questo modo, passando direttamente all'aliquota massima !
Questa è solo l'ultimo atto che ci fa definire questa Amministrazione Comunale assolutamente negativa, anzi preferiamo definirla ASSENTE che a nostro avviso è ancora peggio.

Affidamento dei servizi "rifiuti" e "idrici" a Veritas per 25 anni!

Abbiamo chiesto come sia possibile che una decisione tanto importante e vincolante non venga nemmeno discussa in Commissione Territorio o con una conferenza capigruppo.
In 30 anni la società si evolve, e la gestione rifiuti si stravolge !
I gestori dei rifiuti nel giro di poco tempo diventeranno gestori dell'energia prodotta dagli stessi rifiuti, cerchiamo di guardare avanti, non limitiamoci al presente.
Non c'è nessuna informazione oggettiva su aspetti positivi e negativi di questa società in house, solo un allegato in cui si conferma efficienza ed economicità della stessa, allegato che si capisce subito sia stato scritto da Veritas stessa. L'Amministrazione Comunale dovrebbe vagliare attentamente ogni aspetto positivo e negativo del fornitore di servizi, tutelare sempre e comunque i propri cittadini, e non procedere a scatola chiusa.
Capiamo che la necessità di Veritas di investimenti a medio lungo termine richieda concessioni decennali, altrimenti Veritas stessa non avrebbe accesso a finanziamenti di cui ha un disperato bisogno (quando chiede soldi in banca la prima cosa che le chiedono è "quanto dura la concessione?"), ma voi della Giunta non potete costringere i vostri cittadini ad utilizzare i servizi di uno stesso Gestore vita natural durante, sapendo tra l'altro che Veritas paga i suoi fornitori a 180 gg. Puo' dire una società che sana i suoi debiti a 6 mesi di essere veramente a posto?

Vendita di 3.735 azioni Veritas detenute dal Comune di Vigonovo

Contestiamo subito la mancanza di documenti forniti ai Consiglieri, mancano le delibere del Comitato dei Sindaci che approvano l'acquisto di Veritas di proprie azioni.
E poi, perchè vendere una parte delle azioni Veritas? O vendi tutto e progetti nel medio termine un sistema di raccolta rifiuti autonomo, magari consorziandoti con comuni limitrofi, (fantascienza per l'Amministrazione di Vigonovo...) oppure non vendi niente. Se vendi azioni di una buona società, in prospettiva impoverisci il comune perchè a lungo termine queste azioni varranno di più, se invece Veritas va male, vendendo azioni impoverisci ulteriormente Veritas e poi ti affidi a lei per 25 anni?!
Grossi dubbi sul prezzo di 80 euro, costante negli ultimi anni, contro ogni minima regola economica.
Qui si pratica un prezzo politico, non un valore reale, i dividendi non vengono mai incassati e vengono sempre reinvestiti in azienda, che quindi aumenta di valore, rinnoviamo la concessione per 25 anni, gli abbiamo quindi conferito ancora maggior valore, e le vendiamo al prezzo di 3 anni fa ?

Andrea Danieletto
Gruppo Consiliare
Movimento 5 Stelle Vigonovo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento