Gli altri Comuni al voto: Portogruaro, Eraclea, Cavallino, Dolo e Torre di Mosto

Cinque candidati si sfidano per la prima e seconda amministrazione, due negli altri casi

Portogruaro, archivio

Al voto per il rinnovo dell'amministrazione comunale il 20 e 21 settembre, oltre a Venezia, in provincia vanno anche i Comuni di Portogruaro, Eraclea, Cavallino, Torre di Mosto e Dolo. Quattro candidati a primo cittadino sfidano il sindaco uscente Maria Teresa Senatore a Portogruaro: Florio Favero (Lega, Forza Portogruaro, Destra Lemene, Portogruaro Futura, Lista Toffolo, Lista Rambuschi); Stefano Santandrea (Pd, Tuatta un'altra Portogruaro, Città per l'uomo, Articolo Uno, Per Santandrea sindaco); Graziano Padovese (Città del Lemene, Sette Frazioni); Ennio Vit (Comitati civici).

A Eraclea, commissariata, 5 candidati si contengono la carica di sindaco: Andrea Babbo è sostenuto dalla Lega, e dalla civica Buongiorno Eraclea, Forza Italia supporta Nadia Zanchin e la civica Eraclea c'è. Anna Maria Babbo va con la lista di centrodestra Insieme per Eraclea; il centro sinistra vede Morena Causin: Impegno civico per Eraclea (con il PD) e Danilo Biondi con la lista Vivere Eraclea. A Cavallino sfida a due tra il sindaco uscente Roberta Nesto, sostenuta da tutto il centrodestra (Fratelli d'Italia e Forza Italia) e dalla Lega, e Angelo Zanella affiancato dall'ex sindaco Claudio Orazio con la lista Cavallino Treporti per tutti.

Sfida a 2 a Dolo: alla squadra del sindaco uscente Alberto Polo, sostenuto dall'area centrista e dal Pd, si contrappone la lista Obiettivo Comune di Ivano Michelotto, uomo della Lega, che corre nella coalizione formata da Carroccio, Fratelli d’Italia, Progetto Civico e Forza Dolo. Quest'ultima è l'esito della separazione da Forza Italia, nata per volontà del giovane candidato Andrea Furlanetto. L'uscente Polo schiera 16 candidati, tra i quali la capolista Chiara Iuliano e il vicesindaco Gianluigi Naletto. Stessa quota per Michelotto che ha un programma costruito attorno a sicurezza, ambiente, sport, giovani e salute. Si è ricandidato due giorni fa il sindaco uscente di Torre di Mosto Giannino Geretto. Forze moderate e di centro nella sua lista, Progetto Torresano, con l'appoggio della sinistra e del Pd che lo sostengono. Lo sfidante è Maurizio Mazzarotto, classe 1958, civico ma vicino alla Lega. Ha ufficializzato la candidatura con tutto il centrodestra: Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia. Prima del Covid la città sembrava prossima a un accordo unitario con il favore del sindaco uscente. La Lega avrebbe accettato la sintesi, ma poi non se ne sarebbe fatto più nulla.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

  • Sei comuni rinnovano il sindaco e il Consiglio: i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento