rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Elezioni comunali provincia di Venezia 2013 Martellago / Piazza Bertati

Grillo a Martellago: "Anche qui gente disperata si rivolge a me"

Il leader del Movimento venerdì pomeriggio era in piazza Bertati per sostenere la candidatura a sindaco di Antonio Santoliquido con il M5S

La pioggia e le alluvioni non hanno fermato i "grillini" di Martellago, che venerdì pomeriggio si sono trovati nella centralissima piazza Bertati per la presentazione dei candidati della lista di Antonio Santoliquido. A far convergere sotto al palco una grande folla ci ha pensato lo stesso Beppe Grillo, che, nonostante l'allarme in corso in città sin dalla mattina si è presentato a dire la sua davanti ai cittadini.

SPECIALE ELEZIONI: Tutte le informazioni sui Comuni che andranno al voto

TUTTI IN PIAZZA - Il comizio del Movimento 5 Stelle a Martellago è iniziato alle 16.30, con poche persone inizialmente decise a sfidare il maltempo per ascoltare i candidati "grillini" per le elezioni comunali. Piazza Bertati però è andata via via riempiendosi, e dopo una ventina di minuti era difficile muoversi tra la folla assiepata sotto al palco. I primi esponenti del Movimento presenti hanno ribadito le loro posizioni: hanno esortato tutti i presenti a partecipare alla vita politica del Paese e del Comune, al grido di "riappropriamoci della nostra città". Qualcuno dal palco ha tirato fuori i numeri: i parlamentari grillini si sarebbero ridotti lo stipendio del 50%. Poi dal microfono è stato annunciato l'arrivo del famoso camper "a cinque stelle".

ELEZIONI COMUNALI A MARTELLAGO: Tutti i candidati e le liste

ARRIVA GRILLO - Il "patron" del Movimento è sceso dal camper accompagnato dalle note rap della famosa sigla "Ho un Grillo per la testa" e sotto uno scroscio di applausi ha guadagnato il palco. Il comico genovese ha cominciato il suo comizio-spettacolo parlando degli imprenditori e lavoratori disperati che vengono da lui a chiedere un aiuto, mentre al suo fianco un'esperta traduceva le sue parole nella lingua dei segni. "Anche qui in Veneto - dice Grillo alla folla - ci sono tante persone che vengono da me, mi fanno i complimenti e mi dicono di andare avanti". Lo showman ligure ha detto che si ritrova circondato da gente che lo segue con lo "scioppo" e che gli dice che "deve fare bene, almeno lui". Tra battute e risate il "megafono" del Movimento ha parlato della crisi, degli imprenditori che sempre più spesso decidono di farla finita, anche nel Veneziano, perché non sanno come tirare avanti. Poi è passato all'attacco, senza risparmiarsi: critiche a Berlusconi ("io non ho bisogno della scorta, a lui serve l'esercito"), a Monti ("bocconiani che non capiscono niente, la sapete meglio voi l'economia"), al Pd ("sono tutti uguali, Bersani non ha mai chiesto nessuna alleanza con noi"), ai media ("giornali pagati con i soldi pubblici per prenderci per il culo") e ai meccanismi economici ("quartieri interi in mano alle banche mentre ci sono famiglie che non hanno la casa").

BEPPE GRILLO A MARTELLAGO: DIRETTA VIDEO E TWITTER

LA PIAZZA ESPLODE - Grillo scherza con i presenti, interpella il pubblico e prende in giro amichevolmente chi lo guarda dalla finestra di casa. Continua a ripetere che lui, esattamente come i "suoi" candidati, è una persona come tante, uguale a chi lo guarda da dietro le transenne. Assicura che ha controllato i precedenti degli iscritti alle liste ("incredibile: sono tutti incensurati!") e garantisce che, quando entreranno in Comune, saranno sempre pronti a rispondere ai cittadini al telefono. La folla lo interrompe quasi ad ogni frase con un urlo, un suggerimento o un semplice "Vai Beppe!", ride alle sue battute e si indigna davanti alle sue denunce. In tanti riprendono il comizio con il telefonino o con una fotocamera, attenti a non perdersi neanche una sillaba. Dopo circa un'ora di discorsi animati Grillo cede la parola ai suoi candidati, che si presentano ai cittadini di Martellago.

DEMOCRAZIA PARTECIPATA - Uno ad uno prendono il microfono gli iscritti alla lista di Martellago. Sono ex ricercatori, ex imprenditori, professori di ginnastica, tutti uniti sotto la bandiera a cinque stelle. Tutti chiedono ai cittadini di prendere parte alla loro battaglia, di iscriversi al blog e di "mettere una x sul simbolo del Movimento". Si parla soprattutto di cementificazione, si propone un "censimento del cemento" per il territorio, in modo da non dover costruire "inutilmente". Proprio contro asfalto e cantieri puntano il dito quando parlano delle piene avvenute in questi giorni. Poi tocca al candidato sindaco, che racconta la sua esperienza nel M5S e invita tutti a seguirlo "non per arrivare ad una poltrona ma per aprire il Comune". Infine trova spazio anche un piccolo intervento del candidato di Pianiga, Massimo Nacchi, che approfitta dello spazio concessogli per scagliarsi contro il progetto "Veneto City", restando quindi in tema di cementificazione. Sono le sei e mezza passate quando Beppe Grillo riprende il microfono e, tra le ovazioni della folla, saluta i presenti e chiude l'evento. La gente lascia quindi piazza Bertati mentre dalle casse del palco ripartono le note di "Ho un Grillo per la testa".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grillo a Martellago: "Anche qui gente disperata si rivolge a me"

VeneziaToday è in caricamento