Chioggia si prepara a 2 settimane di fuoco. Casson e Ferro: "No ad apparentamenti"

I candidati che si sfideranno al ballottaggio puntano sul "dialogo diretto con i cittadini". Il sindaco uscente: "Serve continuità". Il pentastellato: "Ci sarà un grande evento"

A Chioggia si prospettano altre due settimane di dura campagna elettorale, in cui i due sfidanti ancora rimasti in campo giurano di non lasciarsi andare ad apparentamenti e di puntare tutto sul dialogo diretto con la città. Si vedrà. Da una parte il sindaco uscente Giuseppe Casson, che in virtù dei risultati conseguiti al primo turno parte in pole posizion. Grazie a un vantaggio di 14 punti circa rispetto allo sfidante del Movimento Cinque Stelle, Alessandro Ferro. Ma al ballottaggio, come insegna anche l'esperienza di Venezia dell'anno scorso in cui Luigi Brugnaro ha ribaltato la situazione del primo turno sconfiggendo il senatore del Pd Felice Casson, si parte da zero. Terreno di caccia privilegiato in queste ore sono gli "indecisi" o coloro che domenica non si sono recati alle urne. 

"Questo è il risultato di un grande lavoro di squadra - dichiara Giuseppe Casson - adesso però guardiamo al secondo turno. Una nuova partita da giocare con i Cinque Stelle. Noi giochiamo 'in casa', con un progetto locale di città contro quello che è un brand nazionale. Io non farò apparentamenti o accordi di qualsiasi tipo, soprattutto in virtù della campagna elettorale molto aspra che c'è stata. Parlerò alla città e credo che la città mi potrà capire. I prossimi tre o quattro anni sono fondamentali per il futuro di Chioggia. Serve continuità con il lavoro svolto e serve esperienza. Il risultato ottenuto è ottimo: la frammentazione con cinque candidati avrebbe reso impossibile una vittoria al primo turno per chiunque".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dello stesso avviso lo sfidante pentastellato Alessandro Ferro: "Primo turno? Un risultato impossibile - commenta - Ma il nostro risultato è storico. Siamo la prima lista in città, spendendo pochissimo. Siamo sempre stati a stretto contatto con i cittadini e continueremo a farlo. Andremo al mercato e per strada, perché così siamo riusciti a portare gli indecisi a votare. Senza apparentamenti. E' in programma anche un grande evento, ma è top secret". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un ragazzo di 25 anni si è sparato e ucciso in una palestra di Marghera

  • L'auto finisce fuori strada: morto 22enne di Noventa di Piave, due feriti gravi

  • "Duri i banchi": origine e significato di questo modo di dire tutto veneziano

  • Il Mose evita l'acqua alta a Venezia. Venerdì previsti altri 130 centimetri

  • Coronavirus, il bollettino di oggi: dati del contagio in Veneto e provincia di Venezia

  • Marea a 135, meteo in peggioramento: le paratoie si alzeranno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento