Controlli contro i "furbetti delle indennità" tra i Cinque Stelle: Cozzolino finisce nel mirino

Il deputato pentastellato è stato inserito nell'elenco di chi, secondo il partito, non avrebbe restituito tutte le indennità percepite. Replica: "Mancavano 13mila euro, restituisco tutto"

"Stiamo procedendo con i controlli per mettere fuori dalla porta quelli che non hanno donato tutto quello che avrebbero dovuto". Alle 18.16 sui propri profili ufficiali e sul proprio blog, il Movimento Cinque Stelle ha messo nero su bianco i primi risultati riguardanti i controlli in corso sull'effettiva restituzione delle indennità parlamentari. Nell'elenco figura anche il deputato eletto nella circoscrizione Veneto 2 Emanuele Cozzolino, miranese. Con lui anche i "colleghi" Andrea Cecconi, Carlo Martelli, Maurizio Buccarella, Ivan Della Valle. "A ognuno di questi - continua il Movimento Cinque Stelle - è stato chiesto di provvedere immediatamente a versare quanto dovuto".

La replica di Cozzolino

La palla a stretto giro di posta è passata al deputato, che in un lungo post su Facebook ha spiegato di non aver versato nel fondo del microcredito 13mila euro "per un periodo di difficoltà personale" e che si sarebbe ripromesso di "restituire tutto entro il termine della legislatura". "Ad oggi - continua - confermo di aver restituito volontariamente e in toto la cifra sopra indicata: 179.543,26 euro, alla quale bisogna ancora aggiungere la rendicontazione di gennaio, febbraio e marzo 2018 che calcolerò appena sarà terminato il trimestre corrente. Il mio contributo complessivo nel fondo del microcredito è quindi in linea rispetto alla media delle restituzioni degli altri parlamentari e tenderà ai 200mila euro. Sono però pronto a fare un passo indietro se mi verrà richiesto".

La carriera politica di Cozzolino 

Cozzolino è nato a Fiesole, in provincia di Firenze, 37 anni fa e ha iniziato la sua carriera politica candidandosi al Consiglio comunale di Mirano nel 2012, senza venire eletto. Si iscrisse al Movimento 5 Stelle un anno prima. Nel 2013, in occasione delle Politiche, l'elezione a Deputato della XVII legislatura della Repubblica, insieme alla capolista Arianna Spessotto, a Marco Da Villa e a Federico D'Incà. Negli ultimi anni è stato anche vicecapogruppo dei Cinque Stelle alla Camera e, dal 7 maggio 2013 al 20 luglio 2015, è stato segretario della I commissione (Affari costituzionali) di Montecitorio. "In questo periodo - si legge sul sito ufficiale - ha rinunciato alla ulteriore indennità prevista per tale carica".
 

movimento-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lunedì su Fb: "Ridurre gli stipendi dei parlamentari"

"Tagliare gli sprechi significa smettere di pagare assicurazioni dei parlamentari per punture d'insetto, insolazioni, guida in stato di ebbrezza - scriveva il deputato lunedì su Facebook - Significa ridurre gli stipendi dei parlamentari, come abbiamo già fatto per i nostri. Significa eliminare enti inutili, grandi opere inutili e ridurre la giungla delle partecipate".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Malore fatale, commerciante muore a 37 anni

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo di 18 anni a Veternigo

  • Per Zaia il problema non sono ristoranti e palestre: «Bisognava puntare su assembramenti»

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento