rotate-mobile
Elezioni

Ferrazzi e Pellicani esclusi dalle liste del Pd

Ci saranno, invece, Andrea Martella, capolista al Senato, e Piero Fassino, numero 2 alla Camera

Il Partito democratico chiude le liste per le candidature alle elezioni di settembre ed esclude i nomi di due parlamentari veneziani, il deputato Nicola Pellicani e il senatore Andrea Ferrazzi. «Purtroppo il mio nome non ci sarà - ha scritto Ferrazzi su Facebook -. Nel mio collegio la componente uomini sarà composta da Andrea Martella capolista al Senato e Piero Fassino numero 2 alla Camera. Non voglio essere ipocrita, per me mi aspettavo un esito diverso e sono sinceramente amareggiato». Dello stesso tenore il commento di Pellicani: «Non nascondo che sono molto dispiaciuto perché avrei voluto continuare per un’altra legislatura l’attività bruscamente interrotta».

La decisione dei vertici Pd

Rammarico, dunque, per non avere avuto la possibilità di proseguire nei rispettivi percorsi: «la transizione ecologica, le città, l’Europa», per Ferrazzi, «l'ambiente e l'antimafia» per Pellicani. Il senatore ha ricordato gli «anni difficili» al Consiglio comunale di Venezia dopo la sconfitta del centrosinistra, l’inizio della Città metropolitana e la candidatura al Senato. «Anche questa volta - ha fatto presente Ferrazzi - i circoli del territorio mi avevano chiesto unanimemente di continuare il lavoro, purtroppo ci troviamo insieme a subire una decisione diversa. Mi dispiace anche per loro, per le moltissime persone con le quali abbiamo condiviso speranze, passioni, impegni, cadute e risalite. Invito tutti, nonostante l’amarezza, a votare per il Pd, per costruire un futuro migliore per noi e per i nostri figli». Pellicani sottolinea: «Mi resta la consapevolezza di avere dato il massimo anche ottenendo, in un quadro politico molto complicato, alcuni risultati significativi concreti per la città. Ci sarà comunque modo e tempo per discutere del futuro di Venezia e del nostro partito. Intanto lavoriamo per vincere le prossime elezioni».

L'appello del Pd comunale e metropolitano

«In queste ore il Partito Democratico dovrà approvare le liste per Camera e Senato. Sta emergendo che nel collegio che riguarda anche il territorio metropolitano di Venezia potrebbero esserci proposte esterne al Pd come quella del ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà - affermano la segretaria comunale del Pd Monica Sambo e il segretario metropolitano del Pd, Matteo Bellomo -. Riteniamo che scelte di questo tipo non siano assolutamente condivisibili, in particolare nel nostro territorio che ha invece un grande bisogno di rappresentanza sul piano nazionale. Abbiamo consultato i circoli per avere dei candidati che fossero espressione del territorio e che potessero rappresentare in Parlamento le peculiarità di un'area così complessa. Chiediamo in modo chiaro che la direzione nazionale dia un forte segnale accogliendo le proposte che sono emerse dal territorio ed escludendo candidature paracadutate dall’alto senza alcun legame locale, o che nulla c’entrano con il Pd».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrazzi e Pellicani esclusi dalle liste del Pd

VeneziaToday è in caricamento