menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Grasso, frecciate "mestrine" al Pd: "Duello Mognato-Pellicani? Siamo noi la sinistra"

Venerdì sera il leader di "Liberi e Uguali" era al Laguna Palace: "Ricostruiremo il Paese per i nostri giovani". Il deputato Marcon: "Il prefetto fermi la manifestazione di Forza Nuova"

"Noi siamo separati dal Pd. Lo siamo in scienza e coscienza, perché il Pd non è più sinistra, noi siamo la sinistra". Il presidente del Senato, Pietro Grasso, leader di Liberi e Uguali in vista delle elezioni Politiche del prossimo 4 marzo, ha messo in chiaro i punti cardine del proprio programma venerdì sera al Laguna Palace di Mestre, davanti a una sala gremita. I temi nazionali durante l'incontro si sono intersecati a quelli locali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il prefetto fermi la manifestazione di Forza Nuova"

Il deputato Giulio Marcon, candidato, ha chiesto alla Prefettura di fermare la manifestazione di Forza Nuova a Venezia e si è augurato che il sindaco del capoluogo lagunare, Luigi Brugnaro, "ristabilisca dialogo e democrazia", mentre il "collega" Michele Mognato ha parlato di Cona e di immigrazione, auspicando la chiusura dell'hub. Il "clou" della serata, però, è stato tutto per Grasso, che sulle battaglie nei collegi locali con i rivali Dem (si sfideranno a suon di preferenze Michele Mognato e il democratico Nicola Pellicani per esempio) ha mostrato sicurezza: "Siamo noi la vera sinistra, e su questa base ricostruiremo il Paese - ha sottolineato - Venezia è un punto focale per l'Italia intera".

Focus su lavoro ed economia

Poi spazio alle linee guida di una campagna elettorale che ora dopo ora si fa sempre più calda, escludendo ogni possibilità di alleanze con i Cinque Stelle dopo il 4 marzo: "Noi abbiamo dei programmi di economia circolare in grado di creare posti di lavoro attraverso cultura, turismo, agricoltura, economia con fonti di energia rinnovabile e innovazione. Lo facciamo per i più giovani, che hanno bisogno di stabilità per costruirsi un futuro e formare una famiglia. La politica degli sgravi ha fallito, servono investimenti e infrastrutture". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento