menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni, malumori nel Pdl Veneto per la scelta dei candidati nelle liste

Continuano le trattative per la stesura definitiva dei nomi dei candidati del partito di Berlusconi in Veneto. Gli esclusi attaccano, ma non apertamente,i due coordinatori

Segni di soddisfazione, ma anche qualche malumore, tra gli esponenti del Pdl in Veneto dopo la pubblicazione dei nomi nelle liste elettorali. Escluso il nome del numero uno di Grafica Veneta Fabio Franceschi, che attacca il partito, che a suo dire gli aveva promesso un posto sicuro. Ai mugugni che sono sembrati emergere, specie a livello locale, per la posizione in lista o alle perplessità nel campo del rinnovamento, oggi ha risposto di fatto, seppure indirettamente, una raffica di interventi e dichiarazioni che hanno fatto quadrato intorno ai coordinatori Alberto Giorgetti e Marino Zorzato.

In prima fila l'europarlamentare Lia Sartori soddisfatta "per il lavoro svolto dal gruppo dirigente veneto nel definire le liste del Pdl. E' positivo il riconoscimento dato al Presidente Galan, al ministro Brunetta e a quanti, in questi anni, hanno lavorato a stretto contatto con il Presidente Berlusconi". Idem per il coordinamento provinciale di Rovigo felice che evidenzia "merito e riconoscenza nei nomi che ben rappresentano il Polesine e non certamente posizioni di rendita che nessuno nella base ha minimamente difeso e è disponibile a accettare".

Sulla stessa linea anche il capogruppo Pdl di Venezia e neo candidato, Michele Zuin ,secondo il quale "la composizione delle liste del Pdl del Veneto per le elezioni politiche, rispetta le indicazioni del territorio con l'inserimento dei rappresentanti che erano stati indicati dai coordinamenti provinciali e di grande citta".

Stesso tenore anche per big come Barbara Degani, presidente della Provincia di Padova e coordinatore provinciale Pdl Padova, e Giovanni Miozzi, presidente della Provincia di Verona e coordinatore provinciale Pdl Verona, che con un'unica voce dichiarano di non "vedere i motivi di polemica per le liste" perché "la composizione è stata fatta con una larga condivisione e facendo sintesi delle molte posizioni in campo". Lapidario Costantino Toniolo, consigliere regionale e presidente della Commissione Bilancio di palazzo Ferro-Fini: "ottimo lavoro di mediazione dei coordinatori regionali; in lista amministratori locali meritevoli".(ANSA)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento