menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto dei vigili del fuoco

Foto dei vigili del fuoco

L'incendio alla Eco 2000 finisce in Parlamento: "Episodio grave, Alfano agisca"

I parlamentari veneti del Pd hanno presentato un'interrogazione al titolare del Viminale: "Non si tratta del primo caso del genere a Nordest, possibile sia stata la criminalità organizzata"

"Non è il primo caso del genere in Veneto e nel vicino Pordenonese". Con questa constatazione i parlamentari veneti del Pd Vincenzo D'Arienzo, Andrea Martella, Michele Mognato, Sara Moretto, Delia Murer e Davide Zoggia, hanno presentato una interrogazione scritta al ministero dell'Interno, Angelino Alfano, per chiedere "quali iniziative di competenza intenda adottare per contribuire ad accertare le cause e la matrice dell'incendio alla Eco 2000 srl di Fossò". 

Nel mirino, infatti, finisce il rogo che nella notte tra sabato 16 e domenica 17 luglio ha distrutto tre camion dell'azienda veneziana attiva nel settore dello smaltimento di rifiuti. Due persone incappucciate sono state immortalate dalle telecamere mentre si intrufolavano, confidando nell'oscurità, nello stabilimento della zona industriale del paese, cospargendo le cabine di guida con del carburante. A quel punto l'incendio, che si è allargato in maniera  molto veloce. Fin da subito, prima del controllo delle telecamere di videosorveglianza, c'erano già forti dubbi sull'accaduto. Poi i video hanno tolto ogni dubbio agli inquirenti. Un episodio non isolato, in un territorio in cui la criminalità organizzata da tempo sta cercando di infiltrarsi. 

"L'azienda si occupa di raccoolta, trasporto e trattamento di rifiuti - si legge nell'interrogazione - i danni sono stati stimati in circa 400mila euro. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco con 10 mezzi antincendio e 35 operatori da Mira, Mestre, Padova e Piove di Sacco che sono riusciti a spegnere le fiamme soltanto verso le ore 8 della mattina". Il sospetto, ma per ora le forze dell'ordine indagano a 360 gradi, è che dietro possa nascondersi la lunga mano della criminalità organizzata. 

"In Veneto questo episodio è soltanto l'ultimo di una lunghissima serie, sulla quale gli interroganti, il 29 marzo scorso hanno già chiesto al ministro di avviare tutte le azioni necessarie a chiarire l'eventuale coinvolgimento di gruppi criminali - sottolineano i parlamentari - negli ultimi due anni in Veneto e nella vicina provincia di Pordenone, infatti, numerosi incendi hanno interessato aziende che operano nel settore della raccolta, dello smaltimento e del trattamento dei rifiuti. E noto che questo settore è, ormai da molto tempo, oggetto di forti interessi da parte della criminalità organizzata e questi eventi devono sollecitare l'attenzione delle autorità per le modalità tipiche degli atti intimidatori propri dei sodalizi criminali. Per questo - conclude il documento - chiediamo quali iniziative di competenza il ministro intenda adottare per contribuire ad accertare le cause e la matrice dell'incendio di Fossò".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento