Politica

Prima la trasferta a Roma, poi Porto Marghera: incontri ravvicinati tra Brugnaro e Gentiloni

Potrebbe aprirsi una settimana importante per la città. Tanti i temi sul tavolo: dal Comitatone alla Legge speciale. Giovedì il ministro Delrio potrebbe parlare di Grandi Navi

Prima il faccia a faccia a Roma, poi il giorno seguente l'incontro pubblico alla Raffineria Eni di Porto Marghera (infine il trasferimento alla sede della Generali di Mogliano Veneto). Quella che si sta per aprire potrebbe essere una settimana importante per il prossimo futuro di Venezia: se non altro perché da anni oramai si trascinano interrogativi cui solo il governo ha l'ultima parola.

Trasferta a Roma lunedì

Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, in ambiti diversi, vedrà a più riprese il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, con cui si parlerà della promessa indizione del Comitatone e dei fondi che Venezia reclama per la sua manutenzione. I temi sono tanti, tutti complessi e dibattuti. In quanto premier, è proprio Gentiloni a presiedere il Comitatone, durante il quale si parlerà della nuova Legge Speciale, dei trasferimenti stanziati dal Cipe e della necessità di risorse per salvaguardare la "specialità" di Venezia. Il sindaco Brugnaro lunedì mattina sarà a Roma per un incontro con il primo rappresentante di Palazzo Chigi, mentre il giorno seguente sarà Gentiloni a mettere piede in territorio lagunare (la prima volta dalla sua nomina).

Martedì Gentiloni alla Raffineria Eni

In mattinata ci sarà una cerimonia alla raffineria Eni di Porto Marghera, con presenti le massime autorità politiche ed economiche locali. Ci si attendono parole chiarificatrici anche sulla futura gestione del Mose, oltre che sull'ultimazione della grande opera. Il premier sarà accompagnato dalla presidente di Eni, Emma Marcegaglia, e dall'amministratore delegato, Claudio Descalzi.

Annuncio sulle Grandi Navi?

Ma l'attenzione si concentra anche sulla possibile presenza giovedì prossimo in Arsenale (è stato annunciato dagli organizzatori un suo intervento finale) del ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio agli "Stati Generali della logistica del Nordest". Lì, dopo i discorsi dei presidenti delle regioni Veneto, Friuli-Venezia Giulia ed Emilia-Romagna, Luca Zaia, Debora Serracchiani e Stefano Bonaccini, l'esponente del governo potrebbe annunciare finalmente cosa l'Esecutivo intende fare per allontanare le navi da crociera dal Bacino di San Marco. Nei prossimi giorni si uscirà dal limbo?

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prima la trasferta a Roma, poi Porto Marghera: incontri ravvicinati tra Brugnaro e Gentiloni

VeneziaToday è in caricamento