Politica

Legge speciale, le risorse che il Comune attende

In commissione la polemica sui 60 milioni del comitatone 2019. Zuin: «Mai licenziati. Erano stati promessi oltre ai 40, ero presente». Baglioni: «Quota destinata a Regione e provveditorato»

Venezia, panoramica

Origini del provvedimento e risorse attese dalla legge speciale per Venezia. La misura è stata presentata dal dottor Nicola Nardin del Comune di Venezia durante l'ottava commissione consiliare oggi, lunedì 22 febbraio. Nata a seguito dell'acqua granda del 1966, la legge speciale del 1973 ha riconosciuto a livello nazionale la specificità della città e l'esigenza di salvaguardia delle caratteristiche lagunari. 

La legge 798 dell'84 ha previsto poi, all'articolo 6, risorse per determinate finalità e per i finanziamenti nel corso degli anni, alla lettera "a" e successive: risanamento e restauro conservativo di immobili e del patrimonio immobilitare del Comune, sistemazione di ponti e rive, salvaguardia del patrimonio abitativo privato, di insediamenti produttivi e di opere di urbanizzazione, poi scavo dei rii e smaltimento fanghi. Negli anni si è registrata una riduzione delle risorse stanziate. Ci sono stati due periodi: dal 1993 al 2004 in media all'anno sono stati corrisposti 193 milioni. Dal 2005 sono diventati 16. Nel 2010 il contributo per Venezia ammonta a 2 milioni e 826 mila euro. La legge 208 del 2015 ha poi previsto 10 milioni fino al 2022, per Venezia, Chioggia e Cavallino Treporti. Prima della costituzione in Comune autonomo di quest'ultima amministrazione, a Venezia spettava circa l'85% di quei 10 milioni, dopo la separazione circa l'81% (8 milioni e 75 mila euro).

È stata poi riconosciuta una quota a beneficio di tutti i Comuni di gronda lagunare rappresentati nel comitatone che sono: Mira, Campagna Lupia, Quarto D'Altino, Jesolo e Musile di Piave. In base alla legge del 2017 sono 40 i milioni riconosciuti ogni anno (di cui 30 a Venezia, Chioggia e Cavallino Treporti, du cui 24 milioni 225 mila euro per il Comune lagunare, sempre secondo la ripartizione all'81%), più altri 4 milioni del riparto dei 10 milioni di tutti i Comuni di gronda lagunare. A Venezia in totale spettano poco più di 28 milioni. 

Per il 2020 e 2021 la città lagunare attende l'erogazione degli 8 milioni all'anno della legge del 2015, oltre ai 28 milioni (fino al 2024). Inoltre, dice l'assessore comunale al Bilancio Michele Zuin, che ha presenziato in commissione: «il comitatone di novembre 2019 aveva previsto anche 60 milioni, promessi dal ministro, che però sono stati destinati con emendamento all'ex Magistrato alle Acque di Venezia, quindi a un altro ente che opera nella laguna ma ha tolto le risorse attese dal Comune. A gennaio 2021 erano stati promessi, dal ministro alle Infrastrutture Paola De Micheli, 40 milioni, messi a verbale per il 2021. Ad oggi non c'è nessun atto per questo, e i 40 milioni, non essendoci alcun provvedimento, bisognerà vedere se con il cambio di governo saranno liquidati o meno. In tutto si parla di 100 milioni. Quando il sindaco chiede un finanziamento più alto, votato dal Consiglio comunale all'unanimità, vuole estendere altri tipi di spesa per aiutare imprese e cittadini nel momento della pandemia», afferma Zuin.

«I 60 milioni - interviene il consigliere Alessandro Baglioni - si riferivano alla quota di legge speciale assegnata alla Regione e al provveditorato ed è questo filone che è stato finanziato. Mentre il bando restauri delle case private era pronto e il Comune l'ha rimesso in cassetto, per mancanza di risorse». In pratica Baglioni vuole capire la ragione del blocco del bando restauri già pronto. «Il provvedimento per le abitazioni è una priorità - afferma Baglioni - e darebbe ossigeno alle imprese locali». 

Zuin si dice «sbalordito per questo chiarimento. Io ero presente a entrambi i comitatoni - dice - e nel verbale è chiaro che quei 40 milioni previsti venivano portati a 100, aggiungendone 60, poi andati altrove. Sono entrati in finanziaria e sono usciti come un capitolo del ministero destinato all'ex Magistrato alle Acque. Nel secondo comitatone nel 2021 è stato fatto analogo annuncio e promessi e varbale 40 milioni ma nessun provvedimento li ha stanziati. Meno male che in via precauzionale abbiamo proceduto con cautela, a quest'ora non ci sarebbero risorse per cose che hanno la priorità e non possono attendere: non sono arrivati i 60 e nemmeno i 40 milioni attesi. Cose che hanno un ciclo di finanziamento costante come la rete antincendio, non possono essere interrotte».


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legge speciale, le risorse che il Comune attende

VeneziaToday è in caricamento