Giovedì, 13 Maggio 2021
Politica San Marco / Ca' Farsetti, 4136

"Brugnaro pensi ad approvare il piano strategico per la Città metropolitana"

Mognato LeU: "Ciascuno faccia la sua parte, la Regione non sostituisca al centralismo statale quello regionale e il sindaco smetta di fare il 'comandante' e assicuri una programmazione"

Intervento a gamba tesa dell'ex vicesindaco di Venezia, Michele Mognato, parlamentare di Liberi e Uguali, dopo il coordinamento dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani di Giovedì a Ca'Farsetti, che ha riunito, oltre al primo cittadino veneziano, Luigi Brugnaro, Decaro per Bari, Enzo Bianco per Catania, Massimo Zedda per Cagliari, Luigi de Magistris per Napoli, e i rappresentanti delle altre principali città italiane. "Brugnaro invece di fare il comandante - scrive Mognato - poco intento a assicurare alla Città metropolitana stabilità e solidità di programmazione, pensi ad approvare il piano strategico, che stiamo ancora aspettando".

Fronte comune dei sindaci metropolitani: "Ma i grandi eventi sono tutti sulle nostre spalle"

Autonomie locali, beni comuni

"E’ sacrosanta - continua il deputato LeU - la richiesta che i sindaci delle Città metropolitane hanno fatto, circa la necessità di avere più poteri, in quanto le città e le aree metropolitane rappresentano oggi la parte più dinamica e vitale del paese. E’ però necessario che ciascuno faccia la sua parte fino in fondo. Se da un lato ci vuole chiarezza di ruoli tra Stato centrale e Città metropolitane, correggendo la legge Delrio, dall’altro è indispensabile che le Regioni facciano altrettanto. Secondo Michele Mognato, "il Veneto ha prima accentrato a sé, ad esempio, la pianificazione urbanistica e poi ha chiesto nel disegno di legge sull’autonomia le competenze sulla salvaguardia, che lo Stato in parte aveva assegnato a Venezia".

Braccio di ferro con le Regioni

"C'è bisogno di una riforma della legge Delrio - ha ribadito il sindaco giovedì - noi lo chiamiamo 'tagliando', per determinare migliori sinergie tra Città metropolitane e Regioni. Intendiamo creare un tavolo tra sindaci metropolitani e governo, chiunque esso sia - ha spiegato il coordinatore delle Città metropolitane, Dario Nardella -. Le Città metropolitane sono il motore delle regioni, sono le porte d'ingresso principali per l'innovazione e la competitività. Non possono rinunciare alle proprie autonomie". 

Grandi eventi

Per i grandi eventi si scaricano sui sindaci troppe responsabilità e dispendio di risorse - ha affermato il sindaco di Napoli, De Magistris, descrivendo lo scenario post piazza San Carlo a Torino -. Non siamo più disponibili a una militarizzazione dei territori in merito alla cultura". Un esempio di quanto sia difficile mettere a punto la macchina della sicurezza in certi frangenti si è verificato pochi giorni fa proprio a Venezia, dove fervono i preparativi per il Volo dell'Angelo: "Noi crediamo nell'idea che attraverso la sicurezza si possa creare anche fruibilità - ha commentato a margine della conferenza stampa il sindaco Brugnaro -. Quando fai dei cambiamenti in una città così complessa è chiaro che crei degli scompensi che cercheremo di limare".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Brugnaro pensi ad approvare il piano strategico per la Città metropolitana"

VeneziaToday è in caricamento