rotate-mobile
Politica Castello / Riva dei Sette Martiri

La Lega Nord sbarca a Venezia, sarà "ondata verde" in riva Sette Martiri

Domenica la festa dei Popoli padani torna dopo i problemi dei mesi scorsi che aveva portato il Carroccio a rinviarla. In arrivo tre pullman dalla Lombardia e oltre 2mila auto per gli organizzatori

Dopo la "ramazzata" causa scandali in salsa Carroccio, la Lega Nord torna a Venezia. Eliminati i riti padano-celtici del recente passato - dal Monviso alla Laguna via Po con ampolla - in Riva dei Sette Martiri si parlerà del Nord secondo la linea del nuovo segretario Roberto Maroni. "Prima il Nord", questo lo slogan della manifestazione, vedrà sul consueto pontone galleggiante adibito a palco salire, tra i tanti, Roberto Calderoli, il presidente Umberto Bossi, il segretario della Liga Flavio Tosi e lo stesso Roberto Maroni che, intorno alle 13, terrà il discorso conclusivo.

Attesi amministratori, a cominciare dal presidente della Regione Luca Zaia, da tutto il Nord. Secondo fonti di via Bellerio per "Prima il Nord", infatti, arriveranno tre treni speciali - da Milano, Bologna e Trieste - ben 269 pullman (26 in più dello scorso anno) e oltre 2mila auto porteranno a Venezia aderenti e simpatizzanti, in modo autonomo, dalla Lombardia.


In laguna ci saranno, poi, almeno due motonavi che faranno giungere i simpatizzanti del Carroccio via mare. Per la festa della Lega, l'organizzazione, oltre al consueto palco su pontone, ha attrezzato Riva dei Sette Martiri con 47 stand: dal punto di ristoro all'accesso vip, fino allo spazio per ogni singola rappresentanza provinciale nonché per il mondo dell'associazionismo padano. (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Lega Nord sbarca a Venezia, sarà "ondata verde" in riva Sette Martiri

VeneziaToday è in caricamento