Politica Piazza Castello

Mediazione civile, il Comune di Noale apre il proprio Municipio

Firmato un protocollo d'intesa con la Camera di commercio. Da lunedì la sala Giunta anche per dirimere controversie: "Giustizia vicino ai cittadini"

A sinistra la presidente Patrizia Chiampan, in centro il sindaco Celeghin e a destra Ennio Gallo

"La giustizia arriva sotto casa dei cittadini". Un annuncio controcorrente, proprio nei giorni in cui la riforma Severino dà il "la" all'accorpamento dei tribunali. A sottolinearlo venerdì la presidente della Camera Arbitrale di Venezia Patrizia Chiampan, prima di prendere la penna e firmare assieme al sindaco di Noale Michele Celeghin e il consigliere della Camera di commercio lagunare Ennio Gallo (in rappresentanza del presidente, Giuseppe Fedalto) un protocollo d'intesa con cui il Comune si impegna a fornire una sede "idonea" per gli incontri di mediazione civile, dopo che quest'ultima è stata resa obbligatoria dal Governo in caso di controversie civili.

Tradotto: per cause su eredità, testamenti, condomini, affitti, risarcimenti e molto altro (non per l'infortunistica stradale però) non servirà fare armi e bagagli e raggiungere una sede della Camera Arbitrale a Venezia, Mestre o Marghera. Il lunedì e il mercoledì mattina, dalle 9 alle 13, la sala Giunta del municipio della città dei Tempesta è a disposizione, gratis.

"Diventerà un punto di riferimento per tutto il Miranese - sottolinea il sindaco Michele Celeghin - Da lunedì il servizio sarà già attivo". Con ogni probabilità gli appuntamenti non andranno deserti, visto e considerato che nel 2012 le domande di mediazione depositate alla Camera Arbitrale di Venezia sono state 916 e senza lo stop della Corte Costituzionale sarebbero state molte di più. Per avviare l'iter basta scaricare un modulo dal sito della Camera di Commercio o della Camera Arbitrale, compilarlo e inviarlo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mediazione civile, il Comune di Noale apre il proprio Municipio

VeneziaToday è in caricamento