menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Autonomie e Ambiente: idea decentramento, obiettivo le prossime politiche

Le forze autonomiste, federaliste, indipendentiste si sono riunite sotto il cappello dell'alleanza per tentare di superare lo schema politico attuale: le novità

Autonomie e Ambiente (AeA) è una alleanza politica tra forze territoriali attive nella Repubblica Italiana, strettamente connessa con l’Alleanza Libera Europea (ALE-European Free Alliance, EFA).

AeA: cos'è

Forze civiche, ambientaliste, localiste, autonomiste, federaliste, indipendentiste, si sono unite «per contrastare ogni forma di centralismo autoritario, dare piena attuazione alla Repubblica delle Autonomie prevista dalla attuale Costituzione italiana, costruire un'Europa diversa, delle regioni, dei terrritori, dei popoli, che si ispiri più alla Svizzera che a un superstato continentale». AeA è composta da dieci movimenti: Patto per l’Autonomia Veneto, Patto per l’Autonomia Friuli-Venezia Giulia, ALPE Valle d’Aosta (connessa con Alliance Valdôtaine),Comitato Libertà Toscana (CLT), Movimento Siciliani Liberi, Patrie Furlane, Pro Lombardia Indipendenza,Slovenska Skupnost SSk, Liberi Elettori Piemonte, Movimento Autonomia Romagna (MAR). Prissimo obiettivo, partecipare alle prossime elezioni politiche su base nazionale.

«De centralismo»

«AeA ha coltivato relazioni politiche in tutti i territori. Le forze sorelle - spiega uno dei portavoce, volto del Veneziano Roberto Agirmo - intendono essere un ponte tra i movimenti storici delle autonomie e del federalismo e le tante nuove forze civiche e ambientaliste locali che sono cresciute in tutta Italia. Come atto di speranza, convinti che l’unica Italia e l’unica Europa possibili siano quelle delle autonomie, in questo tempo di grave crisi globale, è stata convocata la II Assemblea Generale di Autonomie e Ambiente. Le forze di AeA si sono unite in questa sorellanza per condurre la Repubblica Italiana ad una svolta politica verso un radicale de centralismo. I popoli ci sono ancora e come delle braci coperte, sono ancora fieri delle loro peculiarità identitarie. Diversi allora, ma perche assieme in questo percorso di AeA? Tutte le forze presenti in AeA hanno un obiettivo comune: cambiare radicalmente la formula centralistica che ha devastato tutta la penisola, questo obiettivo comune ha reso possibile questa cooperazione, una cooperazione che si basa sulla profonda convinzione che nessuno riesca ad arrivare alla meta se non ci arrivano tutti. Siamo motivati a cambiare l’assetto nazionale basato su stati ottocenteschi, per ristrutturare questi territori in modo federalista, lo facciamo per noi e perché amiamo tutti i popoli italici. Il decentramento sostanziale delle competenze territoriali è il nostro mantra. Prossimo obiettivo concreto? Partecipare alle prossime elezioni politiche su base nazionale» chiude Roberto Agirmo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento