rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Politica

Moraglia patriarca "operaio": "Sono vicino ai lavoratori in difficoltà"

Domani e domenica il neopatriarca farà il suo ingresso ufficiale in diocesi. In un messaggio, rivolto a credenti e non, spiega le linee guida che caratterizzeranno il suo mandato

"Tante, troppe, sono le situazioni di precarietà cui sono consegnati i nostri giovani e non solo loro; qui, in modo particolare, voglio dire la mia personale vicinanza ai tanti lavoratori in difficoltà e alle loro famiglie". Così monsignor Francesco Moraglia, patriarca di Venezia, che domani e domenica farà l'ingresso in diocesi, in un messaggio rivolto ai credenti e anche a coloro che ritengono di non credere.

"Entrando in diocesi, il nuovo patriarca compie il gesto simbolico - ma simbolo non significa finzione - di bussare alla porta di tutti gli uomini e donne di buona volontà - prosegue monsignor Moraglia -: credenti e non credenti, perché il saluto, insieme a una parola di vicinanza, e possibilmente d'amicizia, sono l'inizio di tante cose che, al momento, risultano umanamente imprevedibili; talune fratture, all'origine, nascono non da ostilità preconcetta ma dal semplice ignorarsi reciproco".


Il nuovo patriarca spiega la sua visione della Chiesa e del suo compito: "La Chiesa si pone dentro la storia, ne accetta la complessità e, vedendone la frammentarietà, offre le ragioni della sua speranza: una Chiesa per il mondo e, proprio per questo, non del mondo. Una Chiesa che ha al centro l'uomo prima di tutto il resto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Moraglia patriarca "operaio": "Sono vicino ai lavoratori in difficoltà"

VeneziaToday è in caricamento