Politica

"La Boldrini va eliminata fisicamente", bufera sulla frase della capogruppo di Musile

Una risposta a un commento su Facebook di Monica Bars (Lega) ha indotto i parlamentari veneziani Pd a presentare un'interrogazione al ministro Alfano: "Istigazione alla violenza"

"La Boldrini va eliminata fisicamente". E' bufera politica su un commento scritto su Facebook dalla capogruppo della maggioranza e rappresentante della Lega Nord a Musile di Piave, Monica Bars. La frase è stata pubblicata il 22 luglio scorso e non aveva attirato granché l'attenzione. Almeno fino a sabato, quando i parlamentari veneziani Michele Mognato, Andrea Martella, Delia Murer, Sara Moretto e Davide Zoggia hanno presentato un'interrogazione al ministero dell'Interno, Angelino Alfano. La frase incriminata sembrerebbe essere un commento a un post in cui si esprimevano critiche (riportandole) ad alcune frasi della presidente della Camera sulla situazione tesa in Turchia dopo il tentato colpo di stato del 15 luglio.

Poco prima della mezzanotte, ecco spuntare il commento che ha indotto i parlamentari a interpellare direttamente il titolare del Viminale. Secondo loro si tratta di "istigazione alla violenza", e per questo motivo Alfano dovrebbe intervenire. Di tutt'altro avviso, invece, il legale difensore di Monica Bars, che ha spiegato come quelle parole siano state decontestualizzate. La capogruppo di Musile avrebbe parlato solo del ruolo politico della titolare di Montecitorio, non di altro. Va da sé che i gruppi di opposizione in Consiglio comunale nel paese veneziano sono sul piede di guerra.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La Boldrini va eliminata fisicamente", bufera sulla frase della capogruppo di Musile

VeneziaToday è in caricamento