menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La torre Cardin "sbarca" in Provincia: "Sarà la rinascita per Porto Marghera"

Il progetto del "Palais Lumiere", grattacielo di 250 metri voluto dall'imprenditore di origini trevigiane, è stato presentato e analizzato oggi in commissione Urbanistica a Ca' Corner

Oggi a Ca’ Corner, sede della Provincia, si è svolta la presentazione del progetto della “Torre Pierre Cardin”, in occasione della terza commissione provinciale Urbanistica. Erano presenti il vicepresidente e assessore all’Urbanistica Mario Dalla Tor, il presidente della commissione urbanistica Michael Valerio, e i tecnici responsabili del progetto, ingegner Guido Zanovello e architetto Dario Lugato.

Il progetto consiste nella realizzazione di un grattacielo alto 250 metri e con 255mila metri quadrati di superficie. Il costo dell’opera è di 2 miliardi e 100 milioni e verrà realizzata a Marghera. Il progetto prevede la realizzazione di tre vele, un corpo centrale e sei dischi che le uniscono, tra le attività produttive  spicca un sistema alberghiero di alto livello e il verde attorno alla struttura potrà essere usufruito dai cittadini. Saranno riqualificati il sistema viario e i collegamenti. Per realizzare la torre lavoreranno circa 5mila persone.

"Il progetto Palais Lumière ha riscosso oggi in commissione un grande interesse - ha dichiarato il vicepresidente Dalla Tor - e sarà portato lunedì 16 luglio in conferenza dei servizi. Dopo l’ok del 2010 da parte della presidente, come Provincia stiamo seguendo parte dell’iter amministrativo, e accelerando il più possibile i percorsi burocratici, anche alla luce del’articolo 32 in base al quale l’opera dovrebbe essere riconosciuta di interesse regionale. Quando questa struttura sarà completata, ci auguriamo entro l’expo di Milano del 2015, avrà una valenza enorme per il territorio, non solo veneziano ma veneto e nazionale; costituirà da una parte un’occasione di rilancio dell’area di Porto Marghera, dall’altra una sorta di cittadella dei saperi, dove alla produzione industriale si uniscono servizi di qualità, e arte scienza e ricerca nel settore della moda".

"Un plauso va a Pierre Cardin, imprenditore di successo che mai si è cullato sugli allori e prosegue con grande impegno lo sviluppo del suo progetto - ha dichiarato il presidente della commissione urbanistica Valerio - Quest’opera segna un rilancio del territorio provinciale e dell’occupazione, oltre che una rivoluzione per il tessuto produttivo veneziano".

 

IL "PALAIS LUMIERE" DI CARDIN A MARGHERA: LA CRONACA

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento