rotate-mobile
Politica San Marco / Piazza San Marco

Salve le botteghe storiche di San Marco: c'è la proroga delle concessioni

Approvato alla Camera l'emendamento al decreto Milleproroghe che le mantiene fino al 31 dicembre 2021

Approvato alla Camera l'emendamento al decreto Milleproroghe a tutela delle botteghe storiche di piazza San Marco a Venezia, a firma del deputato Pd Nicola Pellicani. La norma approvata prevede la proroga fino al 31 dicembre 2021 della durata delle concessioni e delle locazioni rilasciate o rinnovate nella città di Venezia. «Da qui a fine 2021 bisogna lavorare per modificare il decreto del Presidente della Repubblica in modo da prevedere il rinnovo diretto delle concessioni e scongiurare la messa all’asta delle concessioni demaniali», commenta Pellicani.

Le attività

Attività come le gioiellerie Nardi e Giordan, i merletti Martinuzzi, il vetro di Salviati, il caffè Florian, la pelletteria Longchamp, la galleria d'arte Ravagnan, la gioielleria Giordan e altre, magari solo parzialmente in concessione, sono spesso imprese a origine famigliare, e al loro interno arredi e superfici hanno un pregio e un valore museale intrinseco, non quantificabile. Ma una direttiva dell'Ue prevede che i beni demaniali debbano essere messi all'asta per attribuirne la nuova concessione, una volta scaduta la precedente. Così, molti di questi storici esercizi, erano a rischio di scomparsa. Al momento, e fino a fine 2021, non accadrà grazie all'emendamento di oggi, giovedì 13 febbraio.

Il testo

«Al fine di tutelare l'occupazione e il reddito delle imprese colpite dagli eventi meteorologici calamitosi del 12 novembre scorso, a causa dei quali è stato dichiarato lo stato di emergenza con delibera del Consiglio dei ministri del 14 novembre 2019, la durata delle concessioni e delle locazioni, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 13 settembre 2005, vigenti alla data di entrata in vigore del presente decreto-legge, e in scadenza entro il 31 dicembre 2020, è prorogata fino al 31 dicembre 2021. L'autorità competente comunica ai concessionari e ai conduttori il canone da corrispondere sino al termine del periodo di proroga».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salve le botteghe storiche di San Marco: c'è la proroga delle concessioni

VeneziaToday è in caricamento