rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Politica San Marco

Le tappe veneziane di Salvini, dopo Chioggia il leader approda a San Marco

Il leader nazionale della Lega è arrivato in piazza martedì con i consiglieri comunali e di municipalità in vista delle politiche del 25 settembre. Bazzaro: «Legge speciale, con noi al governo pronta in pochi mesi»

Dopo la visita di lunedì a Chioggia, il leader nazionale della Lega Matteo Salvini, ha fatto tappa a San Marco martedì, con i consiglieri comunali e di municipalità, in vista delle politiche del 25 settembre. Salvini ha parlato della nuova Legge speciale per Venezia. «Pronta in pochi mesi con la Lega al governo - ha detto accanto al leader nazionale l'onorevole e consigliere Alex Bazzaro (Lega) - Un grazie da parte di tutti i veneziani a Matteo Salvini per aver ribadito il tema fondamentale per la città della nuova Legge speciale. La mia proposta insieme a quelle di altri due colleghi (il ministro della Pubblica amministrazione Renato Brunetta e l'onorevole Nicola Pellicani del Partito Democratico) era già avviata alla fase di audizioni in commissione. Dal 25 settembre come ha ribadito il leader della Lega potrà divenire realtà con un governo di centrodestra - ha detto Bazzaro - Continueremo il lavoro in Parlamento e con il sindaco Luigi Brugnaro e la squadra Lega in giunta per dare a Venezia risorse certe nel tempo per affrontare la sua specificità. Un impegno concreto che solo il lavoro congiunto a Roma e a Ca’ Farsetti può portare a termine». 

Ieri durante la tappa a Chioggia Salvini ha incontrato il sindaco Mauro Armelao. «Ho avuto occasione per chiedere tre cose importanti per la nostra città - afferma il primo cittadino della città clodiense - Sicurezza, poiché da anni non arrivano più rinforzi per le forze di polizia, non è pensabile che una città che quadruplica i cittadini durante il periodo estivo non abbia un rinforzo adeguato alle esigenze estive, e non è possibile che a livello romano non ci si renda conto che le città balneari necessitano di uno status particolare proprio perché hanno esigenze completamente diverse durante l’estate rispetto all’inverno. Stessa cosa per la sanità, prevedendo potenziamenti del sistema sanitario per le maggiori richieste di assistenza sanitaria. Inoltre ho ribadito l'esigenza di tutelare il mondo della pesca e dell’agricoltura che necessitano di norme chiare e certe a tutela di molte aziende, di imprenditori e di lavoratori. Terza cosa: ho chiesto di avere una corsia preferenziale con il ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili per affrontare il tema delle strutture della viabilità e far uscire finalmente dall’isolamento la nostra città».

IMG-20220802-WA0001-2

All'incontro con il leader nazionale della Lega anche i  rappresentanti di Gebis e Cisa camping. «Il turismo contribuisce per il 12% alla formazione del Pil nazionale e per il 14% all’occupazione - afferma il presidente di Gebis, Gianni Boscolo Moretto -. Da anni subiamo un continuo aumento del fenomeno dell’erosione della costa Proponiamo di attribuire ai comuni la quasi totalità del gettito dei canoni demaniali che possano servire per un piano straordinario, insieme con altre risorse pubbliche, alla tutela e la valorizzazione della costa, d’intesa con le Regioni. Vi è un’altra anomalia: le imprese balneari sono le uniche imprese turistiche in Europa a cui si applica l’Iva al 22%. Si chiede una comparazione a quelle turistico-ricettive per avvicinare il settore alla concorrenza comunitaria che applica l’Iva agevolata». Nel corso dell'incontro le categorie hanno parlato con l'onorevole Salvini della Bolkestein. Il Senato ha approvato il Dl Concorrenza che contiene la delega al governo sulle concessioni demaniali, ma rimane aperta la partita dei decreti attuativi. «Di questo chiediamo con forza che se ne occupi il prossimo esecutivo - dice Leonardo Ranieri, presidente di Cisa camping e vicepresidente nazionale del Sib -. Crediamo che sia necessario procedere con calma e con il tempo necessario a varare dei decreti chiari e puntuali che non lascino adito a interpretazioni e a possibili contenziosi, dopo il giusto confronto con le associazioni di categoria, le Regioni e i Comuni».

IMG-20220802-WA0000-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le tappe veneziane di Salvini, dopo Chioggia il leader approda a San Marco

VeneziaToday è in caricamento