menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
gruppo25aprile.org

gruppo25aprile.org

Scano, attacco a Giusto: "Presidente delle remiere e consigliere, c'è conflitto di interessi"

Interpellanza in commissione: "L'associazione che coordina ha ricevuto oltre 100mila euro di contributi da Vela". Ipotizzata l'incompatibilità tra le cariche e la violazione delle norme sull'amministrazione trasparente

Cariche incompatibili e mancanza di trasparenza: sono le accuse che Davide Scano (M5S) muove a Giovanni Giusto, consigliere comunale del Comune di Venezia e delegato alla tutela delle tradizioni. In proposito è stata presentata un'interpellanza al sindaco. Tutto nasce dalla constatazione che Giusto, rileva Scano, "risulta essere presidente dell’associazione 'coordinamento delle associazioni remiere di voga alla veneta'". Il primo problema, spiega, è che "nella sezione 'amministrazione trasparente' del sito comunale non risultano indicazioni rispetto all’incarico", fatto che viola la norma che impone ai titolari di incarichi politici di rendere pubblici i dati relativi ad altre mansioni svolte. Inoltre, ricorda, la legge sancisce l'incompatibilità tra l'incarico di consigliere ed incarichi di amministrazione in enti che ricevano sovvenzioni pubbliche.

Contributi alle remiere

Secondo i conti di Scano, l'associazione delle remiere avrebbe ottenuto tra il marzo del 2015 e il luglio del 2017 una serie di contributi pubblici (per la stragande maggioranza dalla partecipata Vela Spa) per un ammontare totale di oltre 110mila euro. Si tratta di finanziamenti concessi a fronte di organizzazione di spettacoli, cortei acquei, regate tradizionali. Ci sono poi altri capitoli che secondo il consigliere di minoranza vanno chiariti, come la concessione alle remiere di spazi per il ricovero di imbarcazioni a Sacca Fisola.

La replica: "Nessun conflitto"

Scano aveva già chiesto in passato di "illustrare quali sovvenzioni pubbliche abbia ricevuto nell'ultimo triennio il coordinamento delle remiere", e di precisare "se non sussista un conflitto di interessi". "La risposta fornita, più di un anno dopo, dall’assessore Zuin - riporta - è stata evasiva: ha dichiarato infatti che '…non si ritiene vi sia alcun conflitto di interessi dato che la figura del consigliere delegato alla tutela delle tradizioni e il coordinamento delle remiere hanno una quasi totalità di comuni interessi nella promozione e diffusione della voga nel nostro territorio'".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Attualità

I volontari si prendono cura del forte Tron

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento