menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Polizia locale a Mestre, archivio

Polizia locale a Mestre, archivio

Furti, spaccio e atti vandalici. I consiglieri chiedono le commissioni

Segnalazioni da Zelarino, Santa Lucia, Trivignano, Terraglio e Santa Barbara. «Nel mirino abitazioni, centri civici, centri sportivi e attività commerciali. Ricostruire la situazione»

«Esprimiamo forte preoccupazione per la situazione della sicurezza in terraferma. Continuano ad arrivare segnalazioni di furti in abitazioni private, centri civici, centri sportivi comunali e attività commerciali».

Furti e vandalismi

A chiedere «la convocazione con urgenza delle commissioni II e III, con la presenza dell’assessore competente e degli esponenti della polizia locale per ricostruire un quadro della situazione e pianificare iniziative», sono i consiglieri comunali del Partito democratico Emanuela Zanatta ed Emanuele Rosteghin. Tra le aree nel mirino: Zelarino, Santa Lucia, Trivignano (vie Eraclito, Gatta, Marignana, Scarante, Pantelleria, Grigoletti, Elba e Comboni),Terraglio (via Terraglietto) e Santa Barbara (via Miranese, limitrofe e zona Giustizia). Oltre ai furti, i residenti segnalano anche atti vandalici, ad esempio ai danni del centro civico ex scuola Manin in zona Santa Barbara, del centro sportivo Montessori a Chirignago e alle auto parcheggiate in zona Gazzera (via Istria).

Spaccio

Per lo spaccio di stupefacenti e altri atti di criminalità, le zone interessate sono sempre più ampie, in particolare: parchetto di via Tasso; via Aleardi angolo via Bembo; via Aleardi angolo via Fogazzaro; piazzale via Cappuccina incrocio via Sernaglia; zona Cipressina; zona Santa Barbara; zona Stazione ferroviaria, lato Marghera. «Nelle scorse settimane sono state depositate già tre interpellanze nella Municipalità di Chirignago Zelarino e anche a Mestre centro si avvierà una analoga discussione».

Le Municipalità

Andrea Mauceri, capogruppo Pd di Chirignago Zelarino afferma: «Le numerose segnalazioni ricevute da parte di cittadini, commercianti e associazioni del territorio, evidenziano, da sole, la gravità della situazione. Il tema della sicurezza a nostro parere non si affronta con i soli slogan ma con la concretezza. E le interpellanze fatte vanno in questa direzione. Oltre a un maggiore e capillare pattugliamento delle zone critiche, si chiede di riattivare i servizi sociali preventivi sul territorio, quali quelli degli operatori di strada». Per Giacomo Millino, consigliere in Municipalità di Mestre Carpenedo, «in questo periodo il tema sicurezza è sentito dai nostri cittadini. La didattica a distanza, il lavoro da casa, le chiusure anticipate di negozi e il coprifuoco hanno acuito la percezione di insicurezza. I residenti chiedono che il territorio sia maggiormente presidiato soprattutto dalle forze della polizia municipale».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Veneto ancora in zona arancione, Confcommercio: «Siamo sconcertati»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento