menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si moltiplicano le risorse per la salvaguardia della laguna di Chioggia

Il Consiglio regionale ha dato il suo ok allo stanziamento di oltre 2 milioni 750mila euro per migliorare le condizioni dell'ecosistema e l'adeguamento delle reti fognarie

Sono numerose le iniziative che riguardano Chioggia e il suo territorio, all’interno del provvedimento varato dal Consiglio veneto che ottimizza le risorse regionali destinate al risanamento della Laguna di Venezia e del bacino scolante. “Con questa iniziativa – ha sottolineato l’assessore alla Legge speciale Renato Chisso, vengono riposizionate alcune risorse non utilizzate verso azioni concretamente fattibili e sono stati individuati più in generale gli interventi da finanziare con quelle disponibili, per un complesso di una ottantina di milioni di euro, comprensivi del finanziamento di 20 milioni per interventi di bonifica di aree a Porto Marghera”.

Per quanto concerne Chioggia, 2 milioni 715mila 163 euro sono stati destinati a ulteriori interventi nell’ambito del collettamento fognario della frazione di Valli di Chioggia al depuratore di Val da Rio attraverso la frazione di Ca’ Bianca. In pratica il finanziamento viene rimodulato per eliminare gli scarichi fognari di natura civile che attualmente sversano nelle acque superficiali e da qui in laguna, migliorando così le condizioni dell’ecosistema lagunare.

Un finanziamento di 1,3 milioni di euro è a disposizione del Comune di Chioggia per interventi finalizzati al miglioramento della qualità dello scarico del depuratore di Val da Rio, aumentando la portata adducibile al Brenta e riducendo la frequenza di sfioro. Si prevedono l’adeguamento delle opere civili della vasca di sollevamento iniziale; il potenziamento del sistema di pompaggio; l’adeguamento tecnologico del sistema di filtrazione comprensivo dell’istallazione di un sistema di monitoraggio; l’implementazione del sistema di disinfezione con ridondanza impiantistica; l’ottimizzazione energetica del sistema di pompaggio in Brenta e di sollevamento delle acque di sfioro.

Altri 500 milioni saranno utilizzati dal Comune per l’adeguamento delle reti fognarie nei centri storici di Chioggia, Sottomarina e del Canal Vena, con l’obiettivo di ridurre di 4,5 t/a i Solidi Sospesi Totali, di 5,4 t/a il COD e di 0,4 t/a l’azoto totale. Con 200mila euro saranno completate le reti fognarie di Ca’ Pasqua, con la realizzazione del collegamento con il pozzetto esistente e di una nuova rete di collettamento con l’eliminazioni degli scarichi esistenti nei fossati o a fondo perduto.


Ammonta a 400mila euro il finanziamento per completare e aumentare i benefici degli interventi in corso, come la realizzazione di vasche di espansione e l’adeguamento degli impianti Bernio e Trezze di Chioggia – Bacino Bernio. L’efficacia prevista è la riduzione di almeno 10 t/a di azoto totale e di almeno 1 t/a di fosforo totale. 600mila euro serviranno per interventi di completamento delle vasche di espansione e di adeguamento degli impianti Bernio e Trezze di Chioggia – Bacino Trezze.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento