«Taser agli agenti di polizia penitenziaria»: Bazzaro al Santa Maria Maggiore

Lega: «Assenti garanzie minime di sicurezza. Il personale in servizio sconta una cronica carenza di organico»

Bazzaro al carcere Santa Maria Maggiore di Venezia

C'è preoccupazione per gli agenti che lavorano nelle carceri: «Sicurezza zero al Santa Maria Maggiore - casa di reclusione veneziana - Il personale di polizia penitenziaria si trova a operare senza alcuna garanzia per la propria incolumità a causa non dell'amministrazione penitenziaria (che ha fatto miracoli per garantire le condizioni migliori possibili), ma di leggi fuori dal tempo e dalla realtà». Lo afferma il deputato Lega Alex Bazzaro al termine della visita al carcere di Venezia su invito del segretario generale Uspp (Unione Sindacati Polizia Penitenziaria), Leonardo Angiulli. 

«Il personale in servizio sconta una cronica carenza di organico – spiega Bazzaro – oggi conta appena 130 unità, a fronte di una popolazione carceraria di 211 persone, quasi tutte di nazionalità straniera». Dopo la condanna dell'Italia da parte della Corte di Strasburgo sono stati attivati i cosiddetti “circuiti aperti”, «senza garanzie minime di sicurezza per gli agenti, che si muovono disarmati tra un numero soverchiante di detenuti. Il governo autorizzi subito la sperimentazione dei taser per la polizia penitenziaria, partendo proprio da Venezia».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il Comune garantirà un migliore accesso alla struttura per il personale – è l'impegno di Bazzaro, capolista Lega alle comunali – garantendo posti auto riservati. Ma lo Stato deve intervenire per ripristinare la parte del muro di cinta da tempo inagibile e garantire mezzi e dotazioni. Abbiamo osservato guasti ai cancelli e agli impianti di condizionamento, postazioni di lavoro e aree ristoro per il personale completamente inadeguate - dice Bazzaro - . La situazione non è migliore al carcere femminile della Giudecca. La miglior soluzione sarebbe una nuova struttura unica in terraferma». dice il deputato. Una proposta già avanzata dalla Lega nel 2012. «Ora la situazione in entambi i penitenziari si è drasticamente aggravata».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Frontale fra una Punto e un camioncino, muore una ragazza

  • Tagli capelli autunno 2020: tutte le tendenze per corti, medi e lunghi

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Cade in acqua lungo la Riviera del Brenta e perde la vita

  • Camerieri pestano un collega in pizzeria, poi gli lanciano contro coltelli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento