menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sulla tassa di sbarco il Pd chiede un tavolo di confronto immediato

Presentata una mozione in Consiglio comunale. Secondo l'opposizione il ticket deve essere uno strumento per governare i flussi turistici. «Vanno coinvolte le categorie e i cittadini»

A Venezia l'opposizione fa presente che, sul tema della tassa di sbarco, «il sindaco non ha ancora coinvolto il Consiglio comunale e la città per aprire un confronto sul regolamento applicativo dell'imposta». Ovvero quello che deciderà sulle modalità, sulle esenzioni, sulla destinazione delle risorse. Per questo è stata depositata in Consiglio comunale una mozione che sollecita l'amministrazione a «promuovere un tavolo tecnico-istituzionale allargato alle forze economiche e sociali della città».

Controllare il turismo

Secondo il deputato Nicola Pellicani è necessario un «dibattito complessivo per il governo dei flussi turistici e la sostenibilità degli accessi». «La tassa di sbarco non può diventare una mera gabella - spiega - Il Pd e la Lista Casson hanno già sollecitato la convocazione delle commissioni competenti, senza però ottenere alcuna risposta. Il tempo stringe e il tema non è un affare “privato” di Brugnaro, ma riguarda l'intera città». L'imposta «diventerà tanto più utile quanto più sarà utilizzata come uno strumento per governare i flussi turistici», in definitiva uno strumento che serva per «tutelare i residenti» e «preservare la città dalla monocultura turistica».

La mozione

La mozione impegna il sindaco «a chiedere al governo e alla Regione la convocazione, entro 30 giorni dalla pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale della legge 145/2018, di un tavolo tecnico istituzionale allargato alle forze economiche, culturali e sociali della città di Venezia e delle isole minori della laguna per la definizione del regolamento applicativo della misura prevista all’articolo 1 comma 1129 della legge, prevedendo che la quota parte principale delle risorse venga destinata a misure a sostegno dei residenti nonché al contrasto del degrado e alla tutela del patrimonio storico e culturale del territorio, individuando le fasce di esenzione al provvedimento a partire dai residenti, da chi frequenta la città per ragioni di lavoro e/o di studio nonché individuando meccanismi di governo degli accessi per sottrarre la città alla monocultura turistica».
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    L'Rt in Veneto sale a 0,91, le richieste di Zaia oggi al Governo

  • Cronaca

    Altino, le indagini di Ca' Foscari svelano un porto

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento