menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tempi duri per i furbetti dell'Isee: "Controlli incrociati collaborando con Inps e Finanza"

La giunta ha approvato una delibera con cui si indica ai vari uffici di Ca' Farsetti di approfondire gli accertamenti. Ciò che risulterà sospetto sarà inoltrato alle fiamme gialle

Se prima erano sistemi o database che non si guardavano, ora, grazie a protocolli ad hoc, Ca' Farsetti può "pescare" da Inps e guardia di finanza per mettere con le spalle al muro i "furbetti" dell'Isee. Le maglie dei controlli d'ora in poi dovrebbero stringersi ulteriormente, almeno stando alla delibera che martedì mattina la giunta ha approvato su prosposta dell'assessore alla Coesione sociale, Simone Venturini, di concerto con il vicesindaco Luciana Colle e con l'assessore Paolo Romor. La delibera  si intitola  “Disposizioni per la verifica e il controllo della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) prodotta dai cittadini ai fini dell'accesso alle prestazioni sociali agevolate nonché alla definizione del livello di compartecipazione al costo delle medesime”.

In sostanza si è chiesto ai vari uffici comunali di migliorare il sistema dei controlli delle dichiarazioni sostitutive uniche prodotte dai cittadini in fase di richiesta di accesso ai servizi sociali ed educativi o di esenzione dal pagamento di alcune tariffe. I parametri Isee, utilizzati come requisito di accesso alle prestazioni sociali agevolate o come misura per determinare l'entità economica delle prestazioni stesse, saranno passati al setaccio avvalendosi anche sistema informativo dell'Inps e del protocollo vigente con la guardia  di finanza. 

“Abbiamo ritenuto doveroso rafforzare i controlli sulle dichiarazioni riguardanti la situazione economica presentate dai cittadini in fase di richiesta di contributi e servizi - ha dichiarato l'assessore Venturini - Trattandosi di servizi alle persone in difficoltà e bisognose di assistenza, non possiamo tollerare alcun errore sull'effettivo stato di bisogno dei richiedenti. In presenza di anomalie gli uffici comunali provvederanno ad inoltrare formale segnalazione alla guardia di finanza per i controlli conseguenti. Tali disposizioni - conclude - si aggiungono alla recente entrata in funzione del nuovo 'Sistema informatico unico delle prestazioni sociali', due misure concrete e operative".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Veneto sarà quasi di sicuro in area arancione, Zaia: «Oggi l'Rt è a 1,12»

  • Cronaca

    Ordinanza anti alcol a Venezia in vista del weekend

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento