Sabato, 31 Luglio 2021
Politica

Padova vuole solo Venezia, mozione per le nozze. Zaia: "Non cambia nulla"

Lunedì sera il Consiglio comunale euganeo ha votato per l'annessione alla Provincia lagunare, che diventerà Città metropolitana. Contrario il presidente: "I veneti sono tutti uguali"

Prato della Valle

Dopo oltre quattro ore di discussione lunedì sera il Consiglio comunale di Padova ha votato, con 22 voti a 11 (2 i non votanti) a favore dell'adesione del Comune euganeo al progetto di Città metropolitana con Venezia previsto nell'ambito dell'accorpamento delle province voluto con il recente decreto legge sulla spending review dal governo Monti.

 

"Il treno del governo metropolitano è ad alta velocità, porta Padova, Venezia e Treviso al passo con le zone competitive dell'Europa. Le alternative sono un passo indietro. L'area metropolitana tra Padova e Venezia esiste già, si tratta di governarla con una unica regia che porterà a maggiore efficienza di governo dei processi economici e politici", ha dichiarato il sindaco di Padova Flavio Zanonato illustrando la mozione che impegna l'amministrazione comunale di Padova sul percorso di creazione della città metropolitana con Venezia, manifestando "la volontà di palazzo Moroni di aderire alla Provincia di Venezia e alla conseguente trasformazione della stessa in Città metropolitana" e di invitare anche gli altri Comuni della conferenza metropolitana di Padova a fare altrettanto. L'opposizione di Lega Nord e Pdl ha dato battaglia sul punto, preannunciando un referendum autogestito.
 
Il presidente della Regione Luca Zaia, raggiunto dalla notizia della delibera approvata, non si scompone. Anzi, dichiara ai cronisci che "non cambia nulla": "A parte il fatto - ricorda Zaia - che la Regione non ha poteri decisionali, ripeto che non credo che esista una città metropolitana di Venezia al di là della città stessa e del suo immediato hinterland, che l'articolo 18 della spending review non prevede l'adesione di comuni esterni, ma solo la possibilità dei comuni della Provincia originaria di chiedere di non aderire al nuovo Ente e che tutti i veneti sono uguali. E poi ricordo - conclude - che tutte le esperienze di città metropolitane tentate in Europa sono fallite". (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Padova vuole solo Venezia, mozione per le nozze. Zaia: "Non cambia nulla"

VeneziaToday è in caricamento