menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giancarlo Galan (©TM News Infophoto)

Giancarlo Galan (©TM News Infophoto)

Niente rinvio, oggi è il giorno del giudizio sull'arresto di Galan LIVE

L'ex governatore è accusato di corruzione dalla Procura di Venezia. La Camera dovrà votare se vi sia stato fumus persecutionis nell'indagine

Nonostante gli appelli last minute e la ferma volontà di essere presente in aula per difendersi davanti ai propri colleghi, il giorno del giudizio per l'onorevole Giancarlo Galan è martedì 22 luglio. La presidente di Montecitorio Laura Boldrini, rimanendo coerente con quanto dichiarato durante l'ultimo rinvio, non ha modificato la scaletta dei lavori parlamentari. Confermando l'inizio della discussione sulla richiesta d'arresto dell'ex governatore del Veneto alle 11.

Al termine ci sarà la votazione, che, a meno di sorprese clamorose, dovrebbe avere un esito schiacciante a favore dell'arresto. O meglio, gli onorevoli non sono chiamati naturalmente a decidere se Galan sia colpevole o meno. Devono stabilire in coscienza se vi sia o meno "fumus persecutionis" nelle indagini condotte dalla Procura di Venezia, che lo accusa di corruzione. Un primo consenso alla custodia cautelare è già stato espresso dalla giunta per le autorizzazioni a procedere il 10 luglio scorso, con 16 voti favorevoli a 3.

Del resto già solo il Pd e il Movimento Cinque Stelle in aula possono contare su 400 deputati su 630. E le linee di partito sono per il voto a favore. Come anche per la Lega Nord, nonostante il lungo periodo di alleanza quando Galan, ora ricoverato all’ospedale di Este per alcune complicazioni relative a una frattura alla gamba riportata nel roseto di villa Rodella, a Cinto Euganeo, era presidente del Veneto.

LA DIRETTA DALLA CAMERA

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento