Politica

Zaia in Senato: «L'autonomia è una vera assunzione di responsabilità»

Il governatore del Veneto è intervenuto martedì mattina presso la Commissione affari costituzionali

Il presidente del Veneto, Luca Zaia, è intervenuto martedì mattina alle audizioni sull'autonomia differenziata presso la Commissione affari costituzionali del Senato. «Non sono qui perché il Veneto ha la fissa dell'autonomia - ha detto -. Sono qui per portare avanti un progetto che abbiamo studiato, sostenuto e su cui ci siamo impegnati avendo come unico faro la Costituzione. Ora il progetto sta andando avanti e sosteniamo la nostra richiesta di un’autonomia assolutamente solidale, che non è una secessione come qualcuno vuol far credere, non vuole essere contro nessuno, ma è una vera assunzione di responsabilità, per usare la definizione data dal presidente emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano».

L'autonomia, ha proseguito il governatore in Commissione, «è prevista dalla nostra carta costituzionale. Ogni regione può assumere la gestione fino a 23 materie, tutte elencate. Chi non è d’accordo è libero di impegnarsi per cambiare gli articoli che lo prevedono ma non può vietare a nessuno di invocare quello che la carta fondamentale prevede».

Zaia non vuole sentir parlare di aree del Paese a due velocità: «Non è colpa dell’autonomia perché ancora non è stata applicata. Trovo immorale che oggi ci siano zone d’Italia dove i cittadini devono fare le valigie per potersi curare o devono vivere senza servizi. L’autonomia diventa quindi una sfida comune, perché è la vera rivoluzione che può dare risposte ai cittadini, soprattutto ai giovani di cui si parla sempre poco. Sentiamo ricorrentemente parlare di "fuga dei cervelli", ma non pensiamo che i nostri ragazzi scelgono come destinazioni i paesi squisitamente federali, segnati dalla modernità, dal senso di responsabilità e da minori distanze tra potere decisionale e cittadino».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zaia in Senato: «L'autonomia è una vera assunzione di responsabilità»
VeneziaToday è in caricamento