menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Servizio vaccinale dell'Ulss 3

Servizio vaccinale dell'Ulss 3

Vaccini obbligatori, corsa contro il tempo: nel Veneziano 6mila bambini non sono "regolari"

La scuola inizierà il 13 settembre, i tempi sono molto stretti. Necessario un vero e proprio tour de force: più lavoro per il personale e necessità di acquisire nuove dosi

È corsa contro il tempo. Le aziende sanitarie del Veneziano sono al lavoro per verificare l'assolvimento dell'obbligo vaccinale da parte di bambini e ragazzi, secondo le indicazioni fornite dalla Regione Veneto: il diktat è quello di rispettare gli adempimenti previsti dalla legge che ne ha introdotto l'obbligo per l’iscrizione negli asili nido, scuole materne e scuole dell'obbligo. Da una parte, quindi, c'è l'attività di verifica, dall'altra quella per garantire le dosi da somministrare a tutti gli studenti. Con l'inizio dell'anno scolastico fissato al 13 settembre prossimo.

ULSS 3

Circa 5mila i bambini da vaccinare, per un totale di circa 20mila vaccinazioni da effettuare: queste le previsioni dell’Ulss 3 Serenissima, in vista dell’apertura dell’anno scolastico. Sono attualmente in corso le verifiche incrociate, effettuate insieme agli istituti scolastici, sui registri informatizzati delle vaccinazioni e su quello dello storico delle malattie infettive già avute dagli utenti in età scolastica. L’obiettivo primario è effettuare direttamente tra Asl e scuola la verifica, così che l’accertamento gravi il meno possibile sulle famiglie degli alunni: sarà poi l'azienda sanitaria a prendere contatti con i genitori dei bambini e ragazzi che devono ancora adempiere o completare le vaccinazioni obbligatorie.

Interessati al "recupero" della vaccinazioni non fatte sono un numero ridotto di bambini: la copertura vaccinale nel territorio dell’azienda sanitaria è infatti alta, superiore alla media italiana, poiché i bambini in età prescolastica e scolastica già vaccinati sono circa il 95% del totale. Si lavora quindi su una percentuale piuttosto ridotta di bambini. Le classi di età interessate sono quelle che vanno dal 2001 al 2017: secondo le stime del Servizio vaccinale, nel territorio dell’Ulss 3 ci sarebbero circa 5500 bambini da "regolarizzare". Per un totale stimato di circa 20mila vaccinazioni.

Il Servizio Vaccinale dell’Ulss 3 è impegnato in questi giorni per ogni informazione all'utenza. Per ricevere informazioni sull’argomento è possibile chiamare il Servizio vaccinale del proprio distretto di riferimento ai seguenti numeri:

  • per Venezia ed estuario: 041 5295857 (lun-ven., dalle 10 alle 13)
  • per Mestre e terraferma: 041 2608312 (lun-ven., dalle 8.30 alle 13)
  • per Mirano-Dolo: 041 5133968 (lun-ven., dalle 8.30 alle 13.30)
  • per Chioggia: 041 5572125 (lun-ven., dalle 12 alle 13)

ULSS 4

Numeri più contenuti ma comunque da non sottovalutare per l'azienda sanitaria che include i 20 comuni della Venezia orientale: l’attività riguarda infatti circa 600 bambini fino ai 6 anni d’età, e altri mille bambini in età compresa tra 7 e 16 anni, corrispondenti al 5% dei nuovi nati che non hanno aderito alle vaccinazioni proposte.

L'attività è garantita in tutte le sedi ambulatoriali vaccinali pediatriche dell'azienda, svolta in concomitanza con l'attività vaccinale ordinaria, oppure inserendo sedute settimanali aggiuntive. Ciò ha comportato notevole incremento del carico di lavoro del personale, oltre alla necessità di acquisire un ulteriore quantitativo di dosi di vaccino da somministrare: esavalente (poliomelite, tetano, difterite, pertosse, epatite b, haemophilus influenzae b), contro il morbillo, parotite, rosolia e varicella.

OBBLIGHI

I genitori rischiano da 100 a 500 euro di multa. È una corsa contro il tempo: prima dell'inizio della scuola, come previsto dalla legge 119/2017, che ha convertito il decreto n. 73/2017, va presentata l'autocertificazione delle vaccinazioni per i bambini del nido e delle scuole dell'infanzia. Ci sono poi sei mesi di tempo per consegnare la certificazione dell'Asl comprovante l'avvenuta vaccinazione. Per le altre classi l'autocertificazione va presentata entro il 31 ottobre.

Le aziende ricordani che i termini fissati per l'iscrizione all'asilo nido e alla scuola materna sono stabiliti entro il 10 settembre e l'iscrizione si può fare presentando un’autocertificazione sulle vaccinazioni eseguite o un documento che conferma la richiesta di appuntamento per la somministrazione di uno o più vaccini mancanti all’appello. A cui dovrà poi essere aggiunto, entro il 10 marzo 2018, un certificato rilasciato dall'Ulss che attesti le vaccinazioni eseguite. Per bambini e ragazzi da 6 a 16 anni la scadenza per la presentazione dell'autocertificazione è stata fissata invece fissata al 31 ottobre 2017.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento