Il Miur premia i "dipartimenti eccellenti" veneziani: pioggia di euro, 43 milioni in arrivo

Sono 5 su 7 i dipartimenti partecipanti di Ca' Foscari ad aver ottenuto i fondi, per un totale di 35 milioni. Iuav ne ottiene quasi 8 milioni con il dipartimento di Culture del Progetto

L'università Ca' Foscari e lo Iuav di Venezia fanno il pienone di finanziamenti del Miur: dei sette "dipartimenti di eccellenza" che concorrevano per Ca' Foscari, ben 5 si sono aggiudicati un contributo complessivo di 35 milioni di euro in 5 anni, a cui si aggiungono altri 13,5 milioni messi a disposizione dall'ateneo. Si tratta dei dipartimenti di Economia, Studi linguistici e culturali comparati, Studi sull'Asia el'Africa Mediterranea, Management e Studi Umanistici. Per lo Iuav, invece, è stato il dipartimento di Culture del Progetto ad ottenere il finanziamento, per 7.983.000 euro spalmati in 5 anni.

"Dipartimenti eccellenti"

Non può che esprimere soddisfazione il rettore di Ca' Foscari, Michele Bugliesi, per un risultato eccellente, di cui non si può che essere fieri: "Dopo il terzo posto dell'Ateneo nella valutazione Anvur per qualità della ricerca, - ha sottilenato Bugliesi - un nuovo importante risultato premia il valore e l'impatto dell'attività scientifica dei nostri dipartimenti riconosciuti eccellenti dalla stessa agenzia. Un risultato ottenuto grazie al livello dei nostri ricercatori e agli investimenti di Ca' Foscari per reclutare i migliori studiosi e supportare il loro lavoro. I nuovi finanziamenti ci permetteranno di dare piena attuazione al nostro piano strategico, per lo sviluppo delle attività scientifiche dell'Ateneo".

I progetti premiati di Ca' Foscari

Nella fattispecie, il progetto del dipartimento di Economia riguarda la creazione di un centro di eccellenza sul benessere sociale, la valutazione dei rischi e le politiche pubbliche denominato VERA (Venice centre in Economic and Risk Analytics for public policies). L’obiettivo sarà potenziare le attività di ricerca negli studi economici, statistici e matematici facendo leva sulle risorse messe a disposizione da big data, georeferenziazione, esperimenti sul campo per poter mettere a disposizione della comunità scientifica e delle istituzioni dei risultati rilevanti per la progettazione di politiche. Per quanto riguarda il progetto presentato dal dipartimento di Studi sull'Asia e sull'Africa Mediterranea si prevede l'istituzione del Centro Internazionale di Ricerca Marco Polo (MaP) Centre for Global Europe-Asia Connections. Verranno potenziate le attività di internazionalizzazione della didattica di alta qualificazione di secondo e terzo livello, con l'istituzione di due corsi di laurea magistrale in lingua inglese.

Fare del dipartimento un centro di riferimento internazionale sulla diversità linguistica e culturale, questo l'obiettivo di Studi linguistici e culturali comparati. Il progetto di sviluppo potenzia le eccellenze raggiunte nello studio teorico ed empirico della diversità linguistica e culturale, del plurilinguismo e interculturalismo per il benessere delle persone e delle comunità rafforzando le risorse umane nei settori sottodimensionati, adottando di metodologie di ricerca all'avanguardia e acquisendo infrastrutture e strumentazioni competitive a livello internazionale. Il progetto predisposto dal dipartimento di Studi umanistici individua come area di sviluppo quella delle "Digital Humanities", integrata da attività nell'ambito delle "Public Humanities" in grado di valorizzare la terza missione e, in generale, la diffusione dei risultati della ricerca al di fuori del mondo accademico. Infine il dipartimento di Management ha sviluppato un progetto volto alla realizzazione di laboratori e centri interdipartimentali in sinergia con attori pubblici e privati. Tra le azioni previste: una nuova area di ricerca di base e applicata (“Intelligenza analitica per il management” ), l’accreditamento e certificazione di qualità Euis e il dottorato a ciclo quadriennale.

Il progetto Iuav

L’Università Iuav di Venezia ha partecipato alla selezione con il dipartimento di Culture del Progetto, ottenendo un finanziamento in cinque anni di 7.983.000 euro. Il risultato è particolarmente significativo se si considera che il punteggio conseguito dal dipartimento Iuav lo colloca al primo posto tra quelli relativi all’ambito di Architettura, confermando la posizione della scuola veneziana a livello nazionale come capofila e punto di riferimento in questo settore. Il progetto presentato dal dipartimento e da oggi finanziato permetterà, tra l’altro, di incrementare il reclutamento di ricercatori e docenti e di consolidare i rapporti tra università e territorio, sviluppando nuove attività laboratoriali e di ricerca.

"Posizione di eccellenza a livello nazionale"

Grande soddisfazione per il rettore dell'ateneo, Alberto Ferlenga: "In una situazione di perdurante difficoltà economica e di sotto-finanziamento del sistema universitario nazionale, - ha spiegato - aver ottenuto l’approvazione del progetto presentato dal dipartimento di Culture del Progetto costituisce per Iuav un risultato molto rilevante che non solo permette di rafforzare la progettualità e l’operatività della nostra università, ma ne riconosce la posizione di assoluta eccellenza e unicità negli ambiti scientifici di cui si occupa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

Torna su
VeneziaToday è in caricamento