Perché i veneziani chiamano i soldi "schei"?

L'origine e la storia di questo particolare termine del dialetto veneziano

A Venezia i soldi si chiamano "schei" e su questo non c'è dubbio. Ma perchè? A chiunque, veneziano o no, sarà capitato di dire o sentir dire questo termine in svariate occasioni della vita quotidiana, anche perché di soldi è sicuro che non si smette mai di parlare! Ma qual è l'origine di questo particolare termine usato da tutti i veneziani e che, apparentemente, non sembra avere alcun rimando con l'oggetto che indica? Per tutti i curiosi della lingua italiana e, più nello specifico, del dialetto veneziano, ecco spiegato una volta per tutte cosa sono questi famosi "schei"! Continuate a leggere!

Duri i banchi: l'origine del modo di dire veneziano

La vera storia della parola "schei"

Il termine schei deriva dalla parola tedesca “scheidemünze”. Il sostantivo "scheidemünze" indicava un particolare tipo di moneta coniata durante la dominazione austro-ungarica dall'imperatore Francesco Giuseppe, anche chiamato Cecco Beppe. La "scheidemünze", letterelmente "moneta divisionale", era il taglio di soldi, ai tempi dell'impero austro-ungarico, di più piccole dimensioni e quindi, adatto ai pagamenti di importo limitato: in poche parole, gli scheidemünze erano i cosiddetti spiccioli. I due termini che compongono il sostantivo, cioè «scheide» e «münze» significano rispettivamente «divisorio»  e «moneta» ed erano incisi proprio su queste monetine che circolavano in città all'epoca. I veneziani, leggendo questa parola sulla monete e non conoscendo la pronuncia della lingua tedesca che, dovrebbe essere "sciaidemünze", hanno italianizzato la prima parte del termine chiamando quegli spiccioli proprio così come leggevano sulle monete, ovvero "schei" (da schei...demünze). Da lì si è iniziato a diffondere questo modo di chiamare i soldi che è rimasto immodificato fino al giorno d'oggi. E la seconda parte della parola? Che fine ha fatto il "demünze"? Beh, è stato italianizzato anche questo, anzi, venezianizzato, passando dal tedesco "demünze" al venezianissimo "de mona". Gli “scheidemünze” divennero così gli "schei de mona". 

Bronsa coverta: significato ed etimologia dell''espressione veneziana

Nel parlato l'espressione "schei de mona" diventava troppo lunga da essere pronunciata ogni volta che si parlava di soldi, quindi, i veneziani pensarono bene di "tagliare" la seconda parte del termine che, nel tempo, è andata a perdersi lasciando spazio solo alla prima parte dell'espressione, cioè, schei. Il "de mona", però, si è mantenuto in un'unica espressione molto comune del dialetto, cioè, "avere sinque schei de mona in scarsea". 

La legge dei 5 scheidemünze (5 schei de mona)

La legge dell'epoca voleva che chiunque avesse in tasca meno di 5 scheidemünze o, in veneziano 5 schei de mona (cioè 5 monetine) venisse arrestato per vagabondaggio. Possedere, infatti, almeno cinque spiccioli era la soglia minima per non essere considerato un "barbone" ed evitare di finire in carcere!

A volte, anche 5 spiccioli fanno la differenza!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Malore fatale, commerciante muore a 37 anni

  • Carri armati e scenari di guerra: l'esercito si addestra tra Jesolo e Venezia

  • Schianto sulla strada: morto un ragazzo di 18 anni a Veternigo

  • Coronavirus, bollettino di oggi: numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, il bollettino di stasera per Veneto e provincia di Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento