Earth Day Italia Favaro Veneto / Via Vallon

Bosco di Carpenedo: ritornano le visite naturalistiche

Il boschetto protetto dall'Unione Europea dopo la pausa invernale torna ad essere aperto al pubblico tutte le domeniche fino al 30 giugno

© a2zphoto

Il bosco di Carpenedo è un’area protetta dall’Unione Europea che l’ha classificata come Sic (sito d’interesse comunitario) per la rarità degli ambienti che li si trovano: è un bosco misto con prevalenze di querce che si sono insediate addirittura nell’ultimo post glaciale. Inoltre l’avifauna che lo abita, cioè il complesso di uccelli che si trovano in questa regione, rende questo bosco ZPS (Zona a Protezione Speciale). Ma ciò che lo rende un gioiellino unico nel suo genere è soprattutto la presenza di boschi di carpino bianco, da qui il suo nome Carpenedo, documentati in questo territorio fin dal 1300. Questo bosco di carpino bianco, che nel passato ricopriva completamente l’entroterra veneziano, rappresenta l'ultimo relitto arrivato fino a noi e da ciò è facilmente comprensibile la sua importanza.

Il bosco è costituito da quattro ambienti: il bosco storico, residuo di ciò che era l’antico carpineto. La parte più delicata. I nuovi impianti boschivi degli anni 190, 1998 e 1999. I prati stabili e gli ambiti umidi presenti nei prati e nei fossati. Questa diversità di ambienti ha favorito il popolamento di svariate specie animali alcune delle quali protette dalle normative europee come la testuggine palustre europea, la rana di Lataste, il tritone crestato, la poiana, l'usignolo, il picchio verde, il tasso e la donnola. Negli anni ‘80 la sicurezza di questa area è stata minacciata dalla costruzione nelle sue vicinanze di un ospedale. Da qui l’idea del progetto Bosco, cioè dotare Mestre di un grande bosco periurbano, progetto che, con il contributo del comune di Venezia e della Regione Veneto, oggi è una realtà. 

Il boschetto di Carpenedo è un ecosistema molto fragile e proprio per questo motivo viene impedita un'apertura indiscriminata al pubblico. Può essere visitato, infatti, solo nei giorni festivi in primavera ed in autunno. Dopo la chiusura invernale riaprirà al pubblico, quindi, il 1 aprile per poi rimanere aperto tutte le domeniche dal 7 aprile al 30 giugno. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bosco di Carpenedo: ritornano le visite naturalistiche

VeneziaToday è in caricamento