SEAP ALPS, un progetto per la lotta al cambiamento climatico

È stato presentato lo scorso 11 giugno al centro servizi di Mestre, SEAP_Alps, Sustainable Energy Action Plan"

© Francofranco56

La provincia di Venezia sempre più attenta al cambiamento climatico. Lo scorso 11 giugno in Provincia di Venezia, al Centro servizi di Mestre, l’assessore provinciale all’Ambiente Paolo Dalla Vecchia, il dirigente provinciale Massimo Gattolin e il funzionario Anna Maria Pastore, hanno presentato il progetto “SEAP_Alps, Sustainable Energy Action Plan”, finanziato dalla Comunità Europea nel quadro del Programma di Cooperazione Territoriale Spazio Alpino 2009-2013, che ha assegnato alla Provincia di Venezia fondi per circa 180 mila euro. “L’obiettivo principale di Seap Alps, si legge nel sito ufficiale del progetto, è promuovere la pianificazione dell’energia sostenibile a livello locale condividendo una metodologia comune a tutti i Partner Partecipanti. Ciò è essenziale per affrontare il cambiamento climatico, di cui l’utilizzo dell’energia è il primo responsabile.
 

Le autorità locali hanno un ruolo chiave nel processo di mitigazione ma quest’ultima non è sufficiente in quanto il cambiamento climatico è già in atto. Pertanto, devono essere prese in considerazione anche misure di adattamento. È dunque essenziale approcciarsi al processo di pianificazione dell’energia considerando entrambe le opzioni (mitigazione e adattamento). Seguendo questo principio, è stata creata, promossa e implementata una metodologia ad hoc per delineare i Piani di Azione per l‘Energia Sostenibile nell’Area Spazio Alpini”.

Il progetto rientra nei Paes, Piani d’azione per l’energia sostenibile, dei comuni aderenti al Patto dei sindaci, cui Venezia fa parte dal 2010.


Tra i comuni aderenti al patto dei sindaci, 22 hanno già presentato il loro Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (PAES) in cui, a partire dall’analisi della situazione di ciascun comune, vengono individuate le azioni più efficaci per ridurre le emissioni di anidride carbonica, con un obiettivo minimo di riduzione del 20% entro l’anno 2020, anche attraverso l’individuazione di fonti energetiche alternative e innovative.
 

«Come Provincia stiamo lavorando per la tutela dell’ambiente seguendo le linee guida comunitarie che su questo tema promuovono la realizzazione di azioni concrete, grandi e piccole, ha dichiarato nel corso della presentazione l’assessore Paolo Dalla Vecchia. «Ridurre le emissioni di gas serra è una sfida necessaria per far fronte al riscaldamento del clima a livello globale, conseguenza ormai accertata derivante dell’uso indiscriminato di combustibili fossili. Il cambiamento del clima è già in corso da decenni, e si manifesta nei nostri territori in particolare con una maggior ricorrenza di eventi meteorologici estremi, che amplificano le situazioni di rischio idrogeologico, con l’inasprimento delle ondate di calore estive, particolarmente sentite nei centri urbani ma non solo, per le particolari condizioni di temperatura che si creano».
 

Sono tre le province italiane che hanno aderito al progetto, Venezia con Torino e Vercelli, insieme a sette agenzie per l’energia Francia, Germania, Austria e Slovenia, il network di città europee “Climate Alliance” e infine la città di Klagenfurt, capoluogo della Carinzia.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeneziaToday è in caricamento