publisher partner
Ulssvenezia

Ulss 3: nell'"era Contato" un nuovo Primario ogni mese

Già nominati 22 nuovi Direttori di Struttura complessa

Potrebbe essere sintetizzato anche così il lavoro di rinnovamento e di potenziamento svolto dal Direttore Generale e dai suoi collaboratori negli Ospedali e nei Servizi dell'Azienda sanitaria veneziana. Edgardo Contato si è insediato a marzo 2021, e a maggio di quell'anno ha completato la sua Direzione strategica, con l'arrivo del Direttore Sanitario Giovanni Carretta. Da allora ad oggi, sono stati 22 i Primari - o più correttamente: i Direttori di Struttura complessa - nominati nell'Ulss 3 Serenissima, e se ne aggiungeranno altri nei prossimi mesi, grazie ai concorsi già organizzati e programmati.

Un ruolo che resta ambito e prestigioso

"Quello di Direttore di Struttura complessa in un Ospedale, o comunque nel servizio sanitario pubblico - sottolinea il DG Contato - continua ad essere un ruolo ambito, prestigioso, e fonte di soddisfazione. In questa società che estremizza sempre i processi, a qualcuno piace raccontare di un esodo di massa, di una migrazione epocale di medici e primari verso la sanità privata. E però negli ultimi due anni, nella nostra Azienda sanitaria, in media ogni mese abbiamo nominato un nuovo Direttore, scegliendo con la procedura concorsuale tra rose qualificate di professionisti. La verità è che in una sanità d'eccellenza come quella veneta, con ospedali d'eccellenza e servizi d'eccellenza, diventare Direttore di Struttura complessa, cioè Primario, significa poter dirigere équipe di professionisti di livello, avere a disposizione le tecnologie più performanti, essere inseriti in una grande squadra che impone obiettivi e in questo modo qualifica sempre di più il lavoro che viene svolto. E non è una discriminante da poco anche la consapevolezza di lavorare al servizio della popolazione, di tutti gli utenti, e non solo di chi ha risorse economiche da destinare alle proprie cure, dentro lo sforzo collettivo di un sistema sanitario che invece assiste tutti, con le migliori risorse, indipendentemente dallo status e dal reddito".

Cure Palliative nell'Ulss 3: un migliaio di assistiti, in crescita nel tempo del Covid19

I Primari come custodi della salute pubblica

Il DG Contato spiega anche quali sono i criteri di massima che stanno guidando la Direzione dell'UIss 3 nella ricerca dei candidati: "Una volta nominato, il Direttore di una Struttura complessa - spiega - ha sia la responsabilità delle risorse a lui assegnate dalla collettività, che siano risorse umane o strutturali, sia la delega sociale di custodire quel bene enorme che è la salute del cittadino. E nella nostra Ulss 3 tendiamo quindi ad accogliere, come figura apicali, professionisti che dimostrino capacità manageriali, oltre che competenze professionali, ma anche valori personali, poiché chiediamo loro di garantire un impegno forte a tutela della salute di tutti coloro che abitano nelle nostre città e nel nostro territorio".

Risolte situazioni che erano critiche

"In questi due anni sono stati scelti nuovi Direttori in tutti gli ambiti dell'attività dell'Ulss 3 Serenissima - sottolinea il Direttore Sanitario Giovanni Carretta -. In alcuni ambiti l'inserimento di nuovi Primari ha permesso di uscire da situazioni complesse: l'Urologia, ad esempio, vede un nuovo Primario all'Angelo, un nuovo Primario al Civile di Venezia, un nuovo Primario nel presidio di Mirano-Dolo; ma anche la Fisiatria, la Geriatria e l'Ortopedia vedono l'ingresso di due nuovi Direttori. Due dei quattro presidi Ospedalieri, Venezia e Mirano-Dolo, hanno visto nominato il loro nuovo Direttore medico. Ogni professionista che è entrato in ruolo riceve il mandato di portare il proprio impegno e la propria competenza nell'ambito specifico, ma anche di diventare un punto cruciale della rete delle competenze del servizio sanitario pubblico negli Ospedali e nella sanità territoriale".

Un lavoro importante, prima e dopo le nomine

 "Dell'inserimento in organico di 22 nuovi Primari - sottolinea ancora il Direttore Carretta - va dato merito anche ai competenti Uffici amministrativi: dietro ogni nuovo ingresso c'è infatti un processo complesso che va dall'ottenimento dell'autorizzazione regionale fino all'organizzazione del concorso. Ma poi nell'Azienda sanitaria vengono svolti, altrettanto importanti, gli atti conseguenti alla delibera di nomina, con la definizione degli obiettivi di ciascun Primario: il lavoro di un nuovo Direttore va infatti calato nella realtà specifica in cui si inserisce considerando le esigenze di rete".

Venti nuovi Primari nel 2022, e poi nuovi medici, infermieri e operatori sanitari

I Direttori di Struttura complessa nominati dalla Direzione Contato dal maggio 2021

- Claudio Albertin, Fisiatria Chioggia

- Nicoletta Ballarin, Spisal 

- Stefano Bargellesi, Fisiatria Venezia, Mestre, Mirano-Dolo

- Raffaele Battista, Ostetricia e Ginecologia Mestre

- Flavio Busonera, Geriatria Dolo

- Mario Formilan, Geriatria Chioggia

- Silvia Gallo, Direzione medica dell'Ospedale di Dolo-Mirano

- Fabio Graceffa, Direzione medica dell'Ospedale di Venezia

- Roberto L'Erario, Neurologia Venezia

- Luca Ecclesio Livio, Pediatria Venezia

- Nicoletta Lo Monaco, Cure Primarie Terraferma veneziana

- Agostino Meneghini, Urologia Dolo

- Silvia Pini, Ortopedia Dolo

- Tommaso Prayer Galetti, Urologia Venezia

- Lucia Rampin, Medicina nucleare Mestre

- Francesco Rosetti, Oncologia Chioggia

- Barbara Rossi, Nefrologia Dolo

- Francesca Rossi, Direzione delle Professioni sanitarie

- Paolo Segnana, Ortopedia Chioggia

- Claudio Valotto, Urologia Mestre

- Stefano Vianello, Distretto di Mirano-Dolo

- Luca Zattoni, Radiologia Chioggia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

VeneziaToday è in caricamento