menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Contro Bologna la Reyer sfiora l'impresa ma poi soccombe 76-72

Gli orogranata escono sconfitti al termine di una partita tiratissima

L’Umana Reyer sfiora soltanto la terza vittoria consecutiva, uscendo sconfitta 76-72 in un match tiratissimo dal campo della Fortitudo Bologna.

Primo tempo

Ancora fuori Mazzola, Fotu viene preferito a Vidmar tra i dodici nelle rotazioni degli stranieri, anche se partono in quintetto De Nicolao, Tonut, Bramos, Stone e Watt. De Nicolao firma l’iniziale 0-5, che diventa 0-6 con un libero di Watt. La Fortitudo si sblocca con Palumbo dopo oltre 2′, ma poi infila un parziale di 11-0 per l’11-6 subito dopo metà periodo. Tonut torna a muovere il punteggio orogranata dopo oltre 4′ e Daye fa 13-10 al 6’30”, ma poi si accende Banks e i padroni di casa allungano sul 19-10 al 7’30”. Stone trova due canestri (20-14 al 9′), anche se la difesa veneziana è un po’ ingenua nel finale di quarto, concedendo a Bologna più liberi, per chiudere 25-14. L’approccio dell’Umana Reyer al secondo quarto è quello giusto. Dopo i canestri di Watt e Daye, la panchina emiliana chiama time out, ma ancora Watt firma il 25-20 al 12’30”. I primi punti nel quarto della Fortitudo arrivano dopo oltre 4′, con un libero di Banks e l’autocanestro di Watt (28-20). De Nicolao infila ancora una tripla (28-23 al 14’30”), anche se non è serata nel tiro dalla lunga per gli orogranata (2/11 alla fine del primo tempo), e Fotu ricuce ulteriormente sul 28-25 al 16′. Ma il finale di tempo ha come grande protagonista Banks, che prima costringe coach De Raffaele al time out sul 32-25 al 17’30” e poi, dopo i canestri di Daye e Chappell (33-29 al 19′) riallunga fino al 37-29 dell’intervallo lungo.

Secondo tempo

La partita si fa molto fisica con Stone, Withers, Bramos e Fantinelli che si rispondono per il 41-33 al 23′. De Nicolao si conferma l’unico orogranata inizialmente ispirato dall’arco con la terza tripla della sua partita (41-36 al 23’30”), poi da un suo recupero nasce l’azione che cambia l’inerzia della partita: antisportivo di Withers, tecnico alla panchina bolognese e, dopo il 3/3 firmato da Tonut e De Nicolao, lo stesso Tonut pareggia al 24′ a quota 41. Al quarto tentativo, al 25’30”, arriva successivamente la tripla, di Daye, del sorpasso (41-44). La Fortitudo si aggrappa a Totè (45-44 al 26’30” e 47-46 al 28′, dopo il canestro di Fotu a rimbalzo offensivo), ma si accende Bramos, che infila due triple, intervallate dal libero di Fotu sull’antisportivo di Totè, firmando il 47-53 all’ultimo intervallo. Daye continua il buon periodo dell’Umana Reyer in avvio di quarto quarto (47-55), gli risponde Totè dalla lunetta (48-55), poi si riaccende Banks con la tripla del 51-55 al 32′ e un altro canestro da 3, di Mancinelli, riapre completamente i giochi sul 54-55 al 32’30”, come conferma il time out chiamato da coach De Raffaele dopo il sorpasso di Banks (56-55) al 33’30”. Alla ripresa del gioco Bramos chiude il parziale bolognese sul 9-0 con la tripla del 56-58, anche se i padroni di casa hanno ripreso in mano l’inerzia: gioco da 3 punti di Totè, recupero e schiacciata di Fletcher, che poi schiaccia di nuovo, dopo la quarta palla persa del quarto degli orogranata, il 63-58 a metà periodo. Tonut infila la tripla del 63-61 al 35’30”, con Banks che poi sfrutta il bonus speso dall’Umana Reyer, per infilare i liberi del 65-61. Ma non è ancora finita: Watt recupera e chiude il contropiede con la schiacciata del 65-63 al 36′, Banks fa 1/2 dalla lunetta (66-63 al 37′), Stone appoggia al tabellone su assist di Daye (66-65), di nuovo Banks stavolta col 2/2 del 68-65 (37’30”). Anche Daye ha due liberi (1/2 e 68-66), così come Totè (0/2 al 38′, ma doppio rimbalzo offensivo bolognese, con tripla di Sabatini del 71-66 al 38’30”). Dopo il time out orogranata, De Nicolao perde palla e Whiters fa 2/2 (73-66), Bramos tiene aperta la speranza con le triple del 73-69 a -33” e del 73-72 a -17”, anche perché Sabatini sbaglia due liberi a -21” e fa 1/2 a -16”, ma la tripla aperta per il sorpasso di Stone non va, così Banks può chiudere i giochi dalla lunetta sul 76-72.

Parziali: 25-14; 37-29; 47-53

Foritudo Lavoropiù: Banks 28, Mancinelli 5, Fletcher 4, Palumbo 8, Hunt, Pavani ne, Fantinelli 3, Cusin ne, Withers 10, Totè 14, Sabatini 4. All. Dalmonte.

Umana Reyer: Casarin, Stone 8, Bramos 17, Tonut 8, Daye 12, De Nicolao 13, Campogrande, Chappell 2, D’Ercole ne, Cerella ne, Fotu 5, Watt 7. All. De Raffaele.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento