menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il post carriera di Ress non sarà a Venezia: "Ho rifiutato l'offerta per motivi personali"

Il giocatore, che ha appeso le scarpe al chiodo nella passata stagione dopo l'eliminazione dai playoff, non avrà quindi un ruolo fuori dal campo, almeno per il momento

L'annuncio dell'addio al basket era arrivato ad aprile, alla vigilia dei playoff dell'ultimo campionato di serie A, la speranza della società era quella di poter però continuare il rapporto fuori dal parquet e dal basket giocato. Ma nonostante il corteggiamento, si dividono qui le strade dell'Umana Reyer e del suo ex capitano, Tomas Ress. Ragioni personali, come specificato dallo stesso giocatore, l'hanno spinto a rifiutare l'offerta della dirigenza, con la mezza promessa di tornare, un giorno.

"Non ho accettato per motivi personali"

"A Venezia - ha detto Ress - ho vissuto quattro anni fantastici. La squadra e la società sono cresciute e abbiamo conquistato traguardi importanti quali lo storico scudetto e la Fiba Europe Cup, primo trofeo internazionale del Club: soddisfazioni che non pensavo di rivivere più dopo i miei anni trascorsi a Siena. Penso di aver contribuito al consolidamento del Club dando una mano in campo e fuori grazie alla mia esperienza maturata in tanti anni di Serie A. Per ragioni personali non ho accettato l’offerta del club per il mio post carriera, ma spero in futuro di poter tornare a far parte di questa grande famiglia. Ringrazio proprietà, società, staff, compagni, tifosi e tutti coloro con cui ho lavorato in questi anni; un ringraziamento speciale a chi ha lavorato dietro le quinte".

Il dispiacere della società

"Ci dispiace che Tomas non abbia accettato la nostra proposta di continuare il rapporto con noi ma capiamo le sue ragioni - ha spiegato il presidente Federico Casarin - Per lui le porte dell’Umana Reyer saranno sempre aperte perché fa parte della storia recente del nostro club ed è stato un punto di riferimento non solo in campo ma anche fuori. I ricordi dei momenti vissuti insieme saranno sempre indelebili, è stato un ottimo compagno di viaggio per le sue qualità di giocatore e di persona. Siamo convinti che questo sia solo un arrivederci e che ci saranno altre opportunità per poterci incontrare di nuovo e continuare insieme il percorso. Lo salutiamo, lo ringraziamo e gli auguriamo le migliori fortune per il suo futuro professionale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno, ecco perché

Attualità

Chiude la sezione Covid 4 all'ospedale di Jesolo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ufficiali i nuovi colori: il Veneto resta arancione

  • Mestre

    "Il Mummia" torna a Mestre e finisce in carcere

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento