rotate-mobile
Altro

Dopo un viaggio estenuante Nicolò Mozzato rientra in Italia ed è già in clinica a Milano

L’Italia vede il trionfo agli anelli di Salavatore Maresca che dedica la medaglia al suo compagno di stanza Nicolò Mozzato

Il tempo di Nicolò Mozzato si è fermato all’arrivo del secondo salto al volteggio del 1° aprile 2021 a Baku. Il gioiello della SPES Mestre dopo una ribaltata con doppio salto  mortale in avanti è arrivato a terra causando una iperestensione di entrambe le ginocchia. Il tempo di Mozzato era ripartito alla grande ed il ginnasta mestrino stava ritornando ai massimi livelli dopo lo Stop forzato dovuto all’operazione alla spalla. L’infortunio a Baku gli ha precluso un'altra medaglia al Corpo libero dove era entrato in finale ed una al volteggio dove era in lizza per l’oro. La sorte non è stata benevola per Mozzato e gli ha fermato nuovamente il tempo facendolo tornare in Italia in anticipo dopo un viaggio allucinante dalla capitale Azera passando per Istanbul. LA federazione Ginnastica Italiana ha organizzato il rientro ed ha prenotato il primo volo utile. Mozzato però ha dovuto salire in aereo con la sedia a rotelle perché i tutori ad entrambe le ginocchia non gli permettono di camminare e nemmeno di flettere le gambe. Al momento di salire in Aereo i comandanti del volo non volevano prendersi la responsabilità di far viaggiare il ginnasta perché non c’era spazio per la sedia a rotelle e la necessità di avere a disposizione per lui 4 posti per poter stendere le gambe ne precludeva la sicurezza in volo. Alla fine Nico è partito e dopo aver fatto sosta ad Istanbul è arrivato a Milano presso l’istituto ortopedico Galeazzi dove è stato visitato dal Professor Roberto Pozzoni, un luminare della traumatologia sportiva e chirurgia artroscopica. La diagnosi non è delle migliori e dice Rottura del legamento crociato posteriore e del piatto tibiale di entrambi gli arti inferiori. Il professor Pozzoni però ha dimostrato ottimismo ed ha descritto una situazione migliore rispetto a quella emersa durante le visite in terra Azera. Mozzato verrà operato Martedi 5  aprile per permettere agli arti di stabilizzarsi e da alleviare l’infiammazione. Pozzoni farà di tutto per fare l’operazione in Artroscopia. La durata dell’intervento è prevista di 4 ore. Non è stata ancora fatta una previsione di recupero però quello che è certo è che Mozzato ha la forza di volontà per ritornare ai massimi livelli prima delle olimpiadi 2024. Molti i messaggi di affetto per Mozzato sui social. Uno dei più belli è quello di Stefano Patron suo compagno di squadra fin dalla tenera età che dice :”Torna presto perché abbiamo una cosa importante da fare insieme, Fratellino”. Dopo un viaggio estenuante e le visite in clinica Mozzato alterna momenti di dolore e momenti di pace. Non abbiamo voluto disturbarlo ma abbiamo sentito il suo allenatore che è con lui.

L'allenatore

Gianmatteo Centazzo: ” Dopo il salto l’ho sentito gridare a terra ed è intervenuta fortunatamente subito l’ambulanza che lo ha portato in ospedale. Sto molto male perché è una brutta batosta e mi dispiace perché tutto stava andando per il meglio. E’ molto dura accettare quello che è successo ma ce la faremo. Nico ha ancora un futuro davanti e sono sicuro che affronterà anche questa sfida con la sua solita tenacia. Sono al suo fianco.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo un viaggio estenuante Nicolò Mozzato rientra in Italia ed è già in clinica a Milano

VeneziaToday è in caricamento