Troppa Trento per la Reyer: le Aquile spiccano il volo e sovrastano l'Umana. Serie sul 2 a 1

Una partita senza storia, con i trentini sempre avanti. Gli orogranata rientrano in partita almeno tre volte, ma nell'ultimo quarto non scendono in campo. Alla fine è 81-63

©Alessandro Scarpa

Non ci sono storie: Trento conduce la terza gara della serie di semifinale contro la Reyer e si porta sul 2 a 1. Gli orogranata faticano contro le Aquile, nella prima partita giocata nel parquet trentino, in un match in pugno ai padroni di casa dall'inizio alla fine. Diversi gli strappi nel corso dell'intero match, con la Dolomiti che ha tentato più volte la fuga e l'Umana capace di accorciare le distanze. Almeno fino alla fine del terzo quarto. Poi negli ultimi 10 minuti di gioco gli uomini di Walter De Raffaele si sono dimenticati di scendere in campo, succubi delle "bombe" avversarie, e privi della forza mentale per aggredire Sutton e compagni. Il risultato finale è impietoso: Trento 81 - Venezia 63.

Primo quarto

Bramos non riesce a recuperare ed è sostituito tra i dodici da Bolpin e in quintetto da Cerella (altra novità in starting five, con Haynes, Daye e Watt, è Jenkins per Tonut). Trento inizia attaccando il ferro (4-0 al 1′), poi Jenkins sblocca gli orogranata, che però restano contratti, perdendo per foga qualche palla di troppo e vedendo i padroni di casa allungare fino all’11-2 al 3’30”. Trento raggiunge il bonus a metà quarto, poi Daye mette la tripla dell’11-5, anche se poi viene pescato in antisportivo su Sutton, che porta la Dolomiti al vantaggio in doppia cifra (15-5 al 6’30”). Coach De Raffaele prova il quintetto con quattro italiani e Peric ed è proprio il croato a trovare, con due liberi e un canestro, il 15-9 al 7’30”, con Trento che tocca nuovamente il +10 (19-9) al 9′ e Sosa che chiude il primo quarto sul 19-11.

Secondo quarto

Sull’asse Sosa-Peric, l’Umana Reyer comincia bene il secondo quarto (19-14 al 10’30”), con la risposta trentina per il 23-14 all’11’30”. Gli orogranata, però si scuotono e costringono Trento al time out al 13’30” dopo un parziale di 0-7 firmato da Watt, Haynes e Jenkins (tripla) che vale il 23-21. Al rientro in campo, continuano le scintille tra Sutton e Daye, che vengono sanzionati con un doppio tecnico al 14′: decisione degli arbitri che costa l’espulsione al numero 9 dell’Umana Reyer. Watt schiaccia il 25-23, ma gli orogranata risentono del colpo, con Trento che riprova la fuga (32-24 al 16′). E’ Watt, in un quintetto piccolissimo (Cerella da numero 4) a trascinare l’Umana Reyer fino al 32-29 del 17′, poi Jenkins viene pescato alla terza infrazione e i padroni di casa tornano a +8 (37-29) al 19′. Peric, primo a raggiungere la doppia cifra, e De Nicolao (sulla sirena) riescono comunque a ridurre il ritardo: si va all’intervallo lungo sul 38-33.

Terzo quarto

Il secondo tempo si apre con Peric che risponde da 3 (40-36) a Sutton (poi pescato al terzo fallo così come Shields) e Sosa che trova il 40-38 al 21’30”. L’Umana Reyer difende bene, ma soffre a rimbalzo, con Trento che si riporta sul +8 (46-38) al 23′ e coach De Raffaele che chiama prontamente time out, inserendo al rientro in campo Biligha. Il centro si presenta con una schiacciata e poi un gioco da tre punti, poi è Jenkins, a metà quarto, a completare un parziale di 1-7 per il 47-45 e time out stavolta dei padroni di casa, che però non interrompe l’inerzia: un alley-oop di Sosa sempre per Biligha riporta le cose in parità, anche se il match procede a strappi e si trasforma in una sorta di gara del tiro da 3. Prima Trento infila un break di 11-3 (58-50 al 28′ e nuovo time out orogranata), poi De Nicolao e Tonut (servito sempre dal numero 10) rispondono con uno 0-6 che manda le squadre all’ultimo intervallo sul 58-56.

Ultimo quarto

Gli ultimi 10′ iniziano però malissimo, per l’Umana Reyer: De Raffaele le prova tutte (tre play, quintetto undersize, zona), ma Trento parte 12-0 e, con Sutton prima e le triple di Gomes poi, tocca il +14 (70-56) subito dopo metà periodo. All’ottavo tentativo dal campo nel quarto, e dopo un altro time out e quattro palle perse, Jenkins sblocca finalmente gli orogranata con un gioco da tre punti per il 70-59 al 36′. Il pressing a tutto campo dà i suoi frutti e Tonut, dalla lunetta, riporta il ritardo sotto la doppia cifra (70-61) al 36’30”. La grinta dell’Umana Reyer, però non basta: Gutierrez, allo scadere dei 24”, mette da otto metri la tripla che interrompe l’inerzia e, dopo la schiacciata di Watt per il 73-63 al 37’30”, la partita virtualmente finisce, con Trento che dilaga nel finale, a vittoria già in tasca, fino all’81-63.

Parziali: 19-11; 38-33; 58-56

Dolomiti: Franke, Sutton 18, Silins 7, Forray 6, Conti ne, Flaccadori 5, Gutierrez 8, Gomes 11, Ladurner ne, Hogue 10, Lechthaler ne, Shields 16. All. Buscaglia.

Umana Reyer: Haynes 5, Peric 13, Sosa 4, Tonut 5, Daye 3, De Nicolao 5, Jenkins 10, Bolpin ne, Ress, Biligha 7, Cerella, Watt 11. All. De Raffaele.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Crescono i casi di coronavirus, i numeri di Veneto e provincia di Venezia

  • Coppia di turisti aggredita e picchiata da una baby gang a Campo Santa Margherita

  • Vishing, la truffa che "svuota" il conto corrente: tre denunce

  • Un festival del cicchetto a Mestre: «Tradizione gastronomica, offerta turistica di qualità»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento