rotate-mobile
Basket

Gli azzurri Spissu e Tessitori si presentano: De Raffaele decisivo nella scelta

Per i due, già compagni di Nazionale, la scelta di giocare nella Reyer è dettata dalle ambizioni societarie e dalla presenza del coach orogranata

Si sono ufficialmente presentati al pubblico e alla stampa i due azzurri, Marco Spissu e Amedeo Tessitori, nuovi acquisti orogranata.

Spissu spiega: «Il primo impatto è super positivo: la società è di primissimo livello, dallo staff, ai compagni di squadra, a tutto l’ambiente. È una società che punta in alto, che punta a vincere: non ci possiamo nascondere dietro un dito. Siamo qui per questo, ci vogliamo provare. Sicuramente la mia è stata una scelta dettata dalle ambizioni della società ed è ricaduta anche su De Raffaele, perché è un allenatore super preparato, che mi ha fatto una buonissima impressione giocandoci contro e a maggior ragione quando l’ho conosciuto al Taliercio dal vivo. Non ho comunque mai avuto dubbi sul fatto di venire alla Reyer. L’ambizione è alta, non ci nascondiamo, ma non mettiamoci più pressione di quella che c’è già. Dobbiamo lavorare serenamente: il roster c’è, il gruppo è ottimo, lo staff c’è, la società c’è: quindi spetta solo a noi dimostrare quanto valiamo sul campo. Per meritare l’Eurolega dobbiamo dimostrarlo prima di tutto sul campo, vincendo l’EuroCup, ma sarebbe fantastico: l’obiettivo è quello, anche se non sarà facile. Fare adesso paragoni con le mie squadre precedenti, dopo solo una settimana e due allenamenti, mi sembra un po’ presto. Il roster è forte, i nomi sono veramente ottimi. Credo che dobbiamo toglierci qualcosa di noi per metterlo a disposizione della squadra: questa è la chiave per vincere. Mi sembrano tutti dei bravissimi ragazzi, disponibili a farlo».

Dal canto suo anche Tessitori non fa mistero dei motivi della sua scelta: «Sono molto contento ed entusiasta di far parte di questo gruppo di ragazzi, di cui conosco già alcuni come Spissu, Chillo o Moraschini, sperando di riuscire a dare il mio contributo alla squadra e alla società, mettendomi a disposizione. In questi giorni ho avuto modo di vedere come viene svolto il lavoro: penso che sia una società molto seria, molto ben organizzata, in cui posso sviluppare molto bene il mio lavoro e trovare continuità nella strada che sto portando avanti. Sono venuto qui per vincere qualcosa e soprattutto penso che con l’aiuto di De Raffaele, la cui presenza è stata assolutamente uno dei motivi della mia scelta, posso migliorare e vincere altre cose. A spingermi a lasciare Bologna per venire qui è stato principalmente il percorso di crescita che sto affrontando. Parlando con il coach, mi ha fatto veramente un’ottima impressione e volevo dimostrare ancor di più le mie capacità di gioco. Mi sono quindi sfidato di nuovo, facendo una scelta di cuore».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli azzurri Spissu e Tessitori si presentano: De Raffaele decisivo nella scelta

VeneziaToday è in caricamento