Trasferta amara per il Volley Team Club: a Bolzano buone qualità, ma poco cinismo

Il Volley Team Club San Donà, in trasferta, ha mostrato di saper affrontare degnamente gli avversari, mettendoli in difficoltà in varie occasioni, ma non riuscendo a sfruttare al meglio le occasioni avute. 0-3 il risultato finale

Anticipo di campionato con aspetti negativi, ma anche positivi, in questa seconda giornata di serie A3 Credem Banca.

Il Volley Team Club San Donà, in trasferta a Bolzano, ha mostrato di saper affrontare degnamente gli avversari, mettendoli in difficoltà in varie occasioni, ma non riuscendo a sfruttare al meglio le occasioni avute. Per i biancoazzurri la classifica segna ancora 0 punti, ma questa gara ha messo in luce buone prospettive di crescita che fanno ben sperare. Esordio di partita equilibrato, giocato quasi punto su punto fino all’ 11-12. Ma è sul finale che Bolzano ha ingranato una marcia in più, piazzando un break di 7-1, che li ha portati sul 23-16 e facendogli mantenere un vantaggio importante fino alla fine: 25-19.

«Nel primo set, purtroppo, ci siamo arenati in P4 – analizza il primo parziale coach Rossano Bertocco –, l’abbiamo veramente subita e ne siamo usciti solo con un doppio cambio. A quel punto, però, con un handicap di 4-5 punti è stato difficile andare a recuperare il set. Peccato, perché l’avevamo giocato in equilibrio fino al nostro vantaggio sull’11-12». È nel secondo set, però, che il VTC ha dato il meglio di sé in questo incontro, battagliando lungamente con Bolzano, trascinando il parziale per ben 41 minuti e chiudendolo con un punteggio sfavorevole di 35-33. Fino all’11-11 le due compagini si sono sfidate restando perfettamente appaiate, poi Mosca Bruno ha allungato per prima portandosi sul 18-15. Il vantaggio è stato effimero però, perché San Donà non solo ha recuperato già sul 22-22, ma ha passato i rivali tenendosi avanti per buona parte della lunghissima durata del parziale. Dal 23-24 i ragazzi del Volley Team hanno sprecato ben quattro set point, occasioni poco sfruttate e colte invece da Bolzano, che dopo il 33-33 è andato a chiudere definitivamente i conti 35-33.

«Nel secondo set abbiamo sbagliato troppo – Ammette Rossano –. Con una battuta sbagliata e 2 invasioni abbiamo bruciato delle ottime opportunità per chiudere il set in vantaggio. Eravamo riusciti a costruire un gioco di livello importante, con grande lavoro di tutti i fondamentali. Sono molto rammaricato, perché un set che poteva portare la svolta nella partita l’abbiamo buttato via con errori che non sono accettabili». L’ottima prestazione del secondo set, al di là del risultato finale, ha portato anche una buona inerzia nel terzo che, dopo i primi scambi in equilibrio, ha visto San Donà avanti per buona parte del parziale, con il massimo vantaggio sul 7-11. Come in precedenza, però, Bolzano dimostra più energie da giocarsi sul finale e dopo il 18-18 non lascia più vantaggi ai sandonatesi, portando a casa anche il terzo e ultimo set dell’incontro: 25-21. 

«Anche nel terzo set siamo stati a lungo avanti, ma di nuovo una sequenza di situazioni un po’ difficili da gestire ch’anno giocato a sfavore. Avrei potuto fare qualche cambio – conclude Rossano –, ma alla fine, sono situazioni dove vorrei anche che alcuni giocatori imparassero ad uscirne».

Il tabellino:

MOSCA BRUNO BOLZANO  3

VOLLEY TEAM SAN DONÀ 0

(25-19, 35-33, 25-21)

MOSCA BRUNO BOLZANO: Bressan 6, Maccabruni, Grassi 2, Brillo, Polacco 3, Anastasios 23, Dalmonte 18, Gasperi 6. N.e. Senoner, Marotta, Ostuzzi. Allenatore: Pa-lano.

VOLLEY TEAM SAN DONÀ: Palmisano 8, Bomben 1, Tassan 8, Cherin 1, Lorenzon 2, Busato, Mignano, Dietre 8, De Santis 20, Bassanello, Santi. N.e. Zonta. Allenatore: Ber-tocco.

Arbitri: Pasin e Nava.

Note: durata set 28’, 41’, 26’ per totali 95’ di gioco. Bolzano: errori battuta 15, ace 4, ricezione positiva 50% (perfetta 33%), attacco 53%, muri 8. San Donà: errori battuta 16, ace 2, ricezione positiva 48% (perfetta 32%), attacco 38%, muri 6.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Addio ad Andrea Michielan, morto a 21 anni

  • Nuova ordinanza in Veneto: «Il sabato medi e grandi negozi posso rimanere aperti»

Torna su
VeneziaToday è in caricamento