rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Calcio

Il coraggio non basta: una Juventus non brillante supera un buon Venezia

L'esordio di Soncin sulla panchina arancioneroverde produce un'ottima, ma sfortunata, gara. Decisivi i prossimi match per cercare la salvezza

Una Juventus non particolarmente brillante riesce a superare in casa il Venezia, guidato da Soncin al suo esordio in serie A dopo l'esclusione di Zanetti. 

La partita

L'avvio è di quelli che ormai siamo abituati a conoscere: allo start la squadra lagunare va in difficoltà e subisce il confronto con l'avversario tanto che dopo soli 4 minuti Pellegrini ha già la possibilità di portare in vantaggio i suoi: il suo tiro da fuori, però, si stampa sulla traversa. Nemmeno 120 secondi dopo arriva il vantaggio bianconero: da punizione De Ligt fa la torre per Bonucci che di testa insacca. Il Venezia, però, non demorde e a testa alta cerca di affrontare i padroni di casa: sono Aramu ed Henry in particolare a rendersi pericolosi, ma senza successo. Prima della fine del primo tempo Vacca si frattura il naso ed è costretto ad uscire, si va negli spogliatoi con il punteggio di 1-0. Nella ripresa le due squadre riordinano le idee, ma è il Venezia a rivelarsi più pericoloso. Aramu si sveglia e fa il numero 10: dopo due tentativi (uno al 68' su punizione e uno al 69') è al 71' che l'attaccante trova il pari con un bel tiro al volo. Gli arancioneroverdi, però, non riescono a mantenere il risultato e appena cinque minuti dopo si fanno bucare ancora da Bonucci bravo a insaccare di rapina dagli sviluppi di un calcio d'angolo. Finisce senza altre emozioni una gara che il Venezia era anche riuscito a riprendere e giocare a testa alta. Decisive le prossime giornate per la corsa salvezza.

Le interviste

Il tecnico commenta così la partita di esordio in serie A sulla panchina del Venezia: «Prestazione della squadra importante. Abbiamo giocato con coraggio, abbiamo tirato molte volte in porta. Con lo spirito di oggi dobbiamo arrivare fiduciosi alle prossime partite: abbiamo dimostrato di poter essere squadra, di lavorare per la squadra. Le prossime partite diventano determinanti ma con lo spirito che abbiamo messo oggi in campo possiamo arrivare all'obiettivo».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il coraggio non basta: una Juventus non brillante supera un buon Venezia

VeneziaToday è in caricamento