rotate-mobile
Calcio

Spinea è notte fonda

Uno Spinea in piena emergenza e imbottito di giovani causa Covid e infortuni, cede al Cartigliano per 0-2 e rimane a al terzultimo posto

Il primo tempo è equilibrato e avaro di occasioni da gol, con lo Spinea che parte meglio e il Cartigliano che esce alla distanza e prende campo nella seconda metà della frazione, pur non creando grandi pericoli dalle parti di Fiorenzato. Il primo spunto per i padroni di casa arriva al 13', con Pasha che dopo un rimpallo va via in velocità a Pregnolato che lo atterra al limite dell'area da ultimo uomo e viene ammonito nonostante rischi il rosso. Sulla punizione seguente la conclusione di Zanon si infrange però sulla barriera. Rispondono gli ospiti al 30' con una bella azione di Buson, che sfonda sulla sinistra e mette in mezzo un cross pennellato per l'accorrente Di Gennaro, il cui colpo di testa finisce di poco alto. Ancora il Cartigliano arriva al tiro al 33' con Barzon, ma la sua conclusione è centrale e Fiorenzato blocca facilmente. Al 43' cross dalla destra di Mantovani che cerca Simic in centro area, Bonini è provvidenziale in chiusura e devia la sfera in corner rischiando l'autogol.

Tutto nella ripresa

La prima frazione si conclude così a reti inviolate. La ripresa si apre con il Cartigliano subito pericolosissimo al 4', quando Boudraa sugli sviluppi di un calcio piazzato svetta più in alto di tutti e colpisce una traversa clamorosa. Ospiti ancora vicinissimi al gol al 12', quando dopo un'uscita difettosa di Fiorenzato col pugno, Miniati tira a botta sicura trovando il salvataggio miracoloso con la testa di Zanon sulla linea di porta. È solo questione di tempo, perché al 17' i vicentini trovano il meritato vantaggio con un bel colpo di testa di Di Gennaro che su calcio d'angolo sbuca sul primo palo e batte Fiorenzato. Lo Spinea non riesce a reagire né ad impensierire Zecchin, che vive il secondo tempo da spettatore, confermando le proprie difficoltà a costruire azioni d'attacco e in zona gol (10 reti in totale da inizio campionato). Il Cartigliano non ha quindi problemi a gestire la partita e anzi, raddoppia e chiude la pratica al 37' grazie a una magia di Barzon, che col mancino mette la palla all'incrocio dei pali dai venticinque metri con Fiorenzato immobile e incolpevole per lo 0-2 finale.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spinea è notte fonda

VeneziaToday è in caricamento