Sport

Unione Venezia, accordo con l'Inter: Bocalon torna nella sua città natale

L'attaccante veneziano 24ene sarà prestato agli arancioneroverdi fino al 30 giugno. Buone le sue prestazioni in serie B e in Lega Pro dove ha collezionato 77 presenze e 14 reti in 3 stagioni

L'attaccante veneziano Riccardo Bocalon ai tempi dell'F.C. Sud Tirol – Alto Adige

L'Unione Venezia ha comunica da poco di aver trovato l’accordo con l’Inter per il prestito, fino al 30 giugno, di Riccardo Bocalon, attaccante veneziano classe 1989 che ha già al suo attivo 17 presenze in serie B e 77 con 14 gol in Prima Divisione Lega Pro. Cresciuto nelle giovanili del Treviso, nel 2008 Riccardo Bocalon è stato acquistato in comproprietà dall’Inter, che lo ha lasciato in forza alla formazione trevigiana fino al termine della stagione 2007-2008 (4 presenze in serie B). Riscattato a titolo definitivo dall’Inter, ha giocato un intero campionato con la Primavera prima essere dato in prestito al Portogruaro per 2 stagioni.

Nella stagione 2009-2010, Bocalon ha collezionato 33 presenze e 4 reti in Lega Pro Prima Divisione, di cui una decisiva nella partita contro il Verona all'ottantanovesimo minuto che ha decretato la promozione del Portogruaro in serie B.  Nella stagione successiva 2010-2011, le presenze in serie B sono state 13.

A gennaio 2011 passa al Viareggio, in Prima Divisione Lega Pro, squadra con cui colleziona 14 presenze e 5 gol. Riccardo Bocalon fu l’autore della tripletta nella gara di andata contro il Cosenza valida per i playout, trascinando così verso la salvezza la società toscana.
Nella stagione 2011-2012 milita in Lega Pro 1 prima con la Cremonese (18 presenze e 3 gol) e poi con il Carpi (6 presenze e 1 gol) società con cui ha disputato la finale di playoff contro la Pro Vercelli.

A settembre 2012 si accasa con l’F.C. Sud Tirol – Alto Adige con cui fino ad oggi ha collezionato 6 presenze e realizzato 1 rete.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Unione Venezia, accordo con l'Inter: Bocalon torna nella sua città natale

VeneziaToday è in caricamento