rotate-mobile
Sport

Brugnaro torna contro il "partito della critica": "Osteggia i progetti di vertice"

Il presidente orogranata dopo la "latitanza" dirama una nota: "Perché persone sostenitrici della società non la appoggiano nelle sue battaglie?" I Panthers: "Pronti a incontro chiarificatore"

Il presidente Brugnaro rompe il silenzio. Lo fa attraverso un comunicato postato sul sito della Reyer e fatto scorrere durante la differita della partita contro Avellino di ieri sera su Orler Tv. L'opinione che molti tifosi avevano già espresso sui social network dopo il "fattaccio" di domenica scorsa al PalaSegest di Ferrara risulterebbe corroborata: non c'entrerebbe lo striscione esposto dalla curva "Per la torcia degli ultrà ennesima stangata... Ma la rissa tra dirigenti sarà sanzionata?", o meglio, quella sarebbe stata solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

 

Brugnaro, infatti, nel comunicato se la prende contro un "determinato ceto social politico che osteggia da sempre chi vuol portare avanti progetti sportivi di vertice per la città di Venezia". La domanda cruciale che si pone il numero uno reyerino è: "Perché ci sono alcuni individui che si professano sostenitori di questa squadra ma non appoggiano la società nelle sue battaglie? E' tempo che tutti reagiscano e si determini un cambio di rotta: l'intera città non può accettare di rimanere ostaggio del partito della critica continua e sterile".

 

Queste frasi allargano l'orizzonte della querelle. Non più presidente contro tifosi, ma "presidente contro il partito della critica". E chissà a chi si riferisce con precisione Brugnaro. Solo a parte della curva? I Panthers, uno dei gruppi del tifo organizzato orogranata, hanno ribadito che il loro striscione non intendeva andare contro la società, e che il gruppo è mosso "esclusivamente da un'antica e sana passione sportiva estranea a qualsiasi fine politico".

 

I suoi rappresentanti si sono di nuovo resi disponibili a un incontro chiarificatore con il presidente. Che da par suo "punta" a isolare chi secondo lui non starebbe remando dalla parte dell'Umana: "Tutti coloro che hanno a cuore la Venezia metropolitana e questa Reyer - spiega nel comunicato - stigmatizzino e prendano concretamente le distanze da questi atteggiamenti evidentemente polemici e sopratutto provocatori".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brugnaro torna contro il "partito della critica": "Osteggia i progetti di vertice"

VeneziaToday è in caricamento