Sport Noale

La moto di Sic in dono a papà Paolo: "E' lei, andrà al museo per Marco"

Oggi, nella sede della Aprilia di Noale, la consegna della Gilera 250 con cui Marco Simoncelli vinse il Mondiale nel 2008: "Proprio su questa sella si realizzò il suo sogno più grande"

Non verrà dimenticato. Mai. Forse neanche il padre di Marco Simoncelli, Paolo, si aspettava tanto affetto per suo figlio (prima che pilota) che perse la vita lo scorso anno durante il gran premio di Malesia di MotoGp. Oggi l'ennesima iniziativa, da parte di quella "casa motociclistica" che aveva adottato Sic e lo aveva visto crescere. E' stata donata a papà Paolo, nella sede di Noale della Aprilia Racing, la Gilera RSA 250 numero 58, la moto con cui Marco Simoncelli conquistò il titolo mondiale di categoria nel 2008.

La moto andrà a far parte del museo di Coriano che nei prossimi mesi verrà realizzato alla memoria di Sic. Paolo Simoncelli, visibilmente emozionato, una volta che la carena era stata scoperta, le si è avvicinato. L'ha scrutata nei minimi particolari. Era grazie a lei che suo figlio aveva raggiunto il traguardo più importante della sua vita.

“Marco è una parte importante della storia di Aprilia e di tutto il Gruppo Piaggio – ha dichiarato Luigi Dall’Igna, direttore tecnico e sportivo del Reparto Corse Aprilia – Con noi, in sella alla Gilera 250, ha vinto un campionato mondiale e ha entusiasmato milioni di tifosi, lasciando una traccia indelebile nel mondo delle competizioni motociclistiche e nel cuore di chi ha avuto la fortuna di lavorare con lui. Marco era un pilota bravo, tenace, coraggioso. Ma nel cuore di tutti noi rimane il ragazzo dall’accento romagnolo, talmente alto da faticare a incastrarsi nelle moto da GP, la cui presenza bastava a far sorridere tutto il box”.

Presente alla consegna anche Aligi Deganello, capotecnico di “Sic” anche nella stagione iridata del 2008: “La Fondazione è il miglior modo per ricordare Marco, un ragazzo che sapeva di essere fortunato e proprio per questo cercava di aiutare chi ne aveva bisogno. Vedere questa moto mi fa sempre uno strano effetto, perché ripenso a quanto ci abbiamo lavorato e alla gioia del Mondiale vinto con Marco”.

La Fondazione Marco Simoncelli è nata con la volontà di sostenere progetti umanitari a favore dei soggetti più deboli, specialmente giovani. Il suo obiettivo è promuovere l’impegno dello sport a favore del sociale, sulla base dei valori di cui Marco è stato ambasciatore autentico e sincero.


“Un altro giorno speciale, un altro gesto che riempie il cuore della nostra famiglia in memoria di una vittoria che rese Marco felice ed orgoglioso: il 20 ottobre del 2008 in sella a questa moto si realizzò  il suo sogno di sempre – dichiara Paolo Simoncelli – Ricordo che sin dalle scuole elementari aveva ben chiaro in mente quale fosse il suo obiettivo: un giorno sarò campione del mondo era la frase più ricorrente sul suo diario e quel giorno, proprio in sella alla Gilera del Team Metis, il suo sogno si realizzò".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La moto di Sic in dono a papà Paolo: "E' lei, andrà al museo per Marco"

VeneziaToday è in caricamento